adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La signora ammazzatutti (1994)

sabato 10 Maggio, 2014 | di Giulia Zen
La signora ammazzatutti (1994)
Film History
0
Facebooktwittermail

SPECIALE FERMATI O MAMMA SPARA!
“I don’t know what it is about today but I feel great. Cookie?”
Oltre a quella figura femminile vittima della prepotenza maschile e desiderosa così di una spietata vendetta (alla quale avevamo dedicato lo Speciale Rape & Revenge), esiste tutto un altro sottogenere a parte, spesso sottovalutato: quello della donna che, semplicemente, kick your ass solo perché ne ha voglia.

Questa “voglia”, tuttavia, è solita essere frutto di una psicosi mentale, alla quale le protagoniste non riescono ma soprattutto non vogliono sottrarsi. Quello della madre cattiva e nevrotica è un tema che inizia a far capolino verso la fine degli anni Cinquanta ma che continua a protrarsi negli anni. In particolare, un autore che si è dedicato all’anticonformismo, al cattivo gusto e disgusto, mediacritica_la_signora_ammazzatutti1ae alla blasfemia è sicuramente John Waters. Personaggi reietti, maltrattati e psicopatici abitano la sua fantasia così come le sue opere underground: ma tra essi vi è molto spazio anche per il sesso debole, che si dimostra tutto tranne che “debole”. Female Trouble (1974) e Desperate Living (1977) sono già un accenno alla tematica della psicosi femminile combinata all’altra grande passione del cineasta: il crimine. L’opera in assoluto celebrativa di questa compagine di sadici elementi, apparentemente tratta dalla vera storia di una “serial mom” e paradossalmente tra le più sottovalutate del regista, è La signora ammazzatutti. A Baltimora vive serenamente la tipica famiglia middle class americana, formata da genitori e due figli adolescenti. I fiori sbocciano, gli uccellini cantano, la musica veleggia amabilmente: tutto perfetto, non fosse per il fatto che la madre/moglie/casalinga Beverly ha il vizietto di far fuori qualunque persona infastidisca la propria famiglia o i propri “ideali” (oltre ad una sadica propensione a scherzi di “cattivo gusto”). A crearne un’impercettibile doppia identità, da un lato genitrice dolce e consorte devota e dall’altro perversa assassina, è la strepitosa Kathleen Turner la quale ne plasma una perfetta marionetta sottratta agli anni Cinquanta e catapultata nella civiltà di fine secolo. Unica caratteristica inusuale della casalinga esemplare è l’amore per il giallo, al quale dedica ore di lettura e di conversazioni con spietati killer. Specialmente, la psicosi della protagonista risulta magistralmente e sottilmente orchestrata in un elemento narrativo: Beverly non si cura di occultare le proprie “azioni”, di eludere comportamenti sospetti o di rimediare alibi. Semplicemente perché non ne ha bisogno. Una pellicola che rappresenta lo schiaffo morale di Waters alla società perbenista americana, ancorata ossessivamente al conformismo di metà secolo, per cui ipocrisia e speculazione sono all’ordine del giorno. Ed è così che in questo perverso e iconico mondo watersiano gli adolescenti celebrano il crimine, la polizia indaga cialtronamente, e donne come Beverly Sutphin diventano eroine. Ed “è meglio se sei gentile con lei”.

La signora ammazzatutti [Serial Mom, USA 1994] REGIA John Waters.
CAST Kathleen Turner, Sam Waterston, Matthew Lillard, Ricki Lake, Mink Stole, Mary Jo Catlett.
SCENEGGIATURA John Waters. FOTOGRAFIA Robert M. Stevens. MUSICHE Basil Poledouris.
Commedia/Thriller, durata 95 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly