adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Sanctuary – Faro

mercoledì 4 Giugno, 2014 | di Lisa Cecconi
Sanctuary – Faro
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Come il lupo cattivo
Le leggi degli uomini parlano chiaro: suo padre è un assassino. Ma Hella preferirebbe morire piuttosto che esserne allontanata. Non resta che la fuga, lontano da poliziotti e assistenti sociali, dalle perdite passate e dalle scelte che non hanno ritorno. E quale luogo migliore della foresta per eclissarsi dalla civiltà?

Sanctuary – Faro, ultimo lungometraggio di Fredrik Edfeldt, è un film toccante come sa esserlo la verità. Sprofondati nel cuore di una natura più spontanea che innocente, più intatta che incontaminata, padre e figlia mediacritica_sanctuary_faroinventano un mondo nuovo, un micro-universo solo per loro, fatto di adattamento e reciproca comprensione. Le azioni del passato incombono minacciose per le loro conseguenze, ma irreali come il riflesso di una vita precedente. Sopravvivenza e paternità bastano da sole a occupare le giornate di entrambi. È un’intimità distante e discreta che la macchina da presa osserva da lontano. Un legame inaccessibile che ci è concesso spiare, tra la vegetazione o nell’oscurità, senza poterlo compenetrare davvero, così come l’interiorità dei suoi protagonisti. Cosa passa per la mente di un uomo che ha ucciso? Cosa in quella della figlia che ne conosce gli sbagli? Dov’è il confine tra bene e male nella solitudine dello stato primigenio? La foresta è ancora una volta tana dell’esilio, limen simbolico che prelude all’epilogo. Una zona franca dove colpa e condanna non hanno senso, così come il balsamo dell’assoluzione. Faro ne restituisce latrati e scricchiolii con una colonna sonora particolarmente curata, tanto nell’impianto rumoristico quanto nella scelta di musiche che accompagnano il trascinarsi dei giorni. Imprevisti e passi falsi creano crisi temporanee che si risolvono in una maggiore complicità, valorizzata in sequenze di singolare poesia. Ma il ritorno allo stato brado non è che un miraggio di isolamento, l’utopia impossibile di una nuova esistenza. Dimenticarsi di sé per riacquistare una purezza selvaggia è un’impresa che non può che concludersi esattamente come per ogni altro animale braccato. Con l’arrivo dell’uomo.

Sanctuary – Faro [Faro, Svezia 2013] REGIA Fredrik Edfeldt.
CAST Per Burell, Jakob Cedergren, Clara Christiansson, Maria Heiskanen.
SCENEGGIATURA Karin Arrhenius. FOTOGRAFIA Mattias Montero. MUSICHE Gustaf Berger.
Drammatico, durata 89 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly