adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La casa Russia (1990)

sabato 7 Giugno, 2014 | di Teresa Nannucci
La casa Russia (1990)
Film History
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE SPIA E LASCIA SPIARE
L’amore ai tempi della guerra fredda
Sullo sfondo della fine della guerra fredda si aprono le speranze per un cambiamento politico nell’Europa dell’Est, votato all’apertura e alla trasparenza verso i cittadini.

Barley è un editore inglese, presente ad un convegno moscovita: in questa occasione parla con un misterioso uomo che sembra essere particolarmente interessato alla presentazione del piano britannico che verte su un nuovo e necessario ordine mondiale. Da un semplice equivoco, Barley si trova coinvolto dalle autorità inglesi e americane in un programma di spionaggio tra Stati Uniti e Russia.mediacritica_la_casa_russia1a La storia dell’editore si legherà così a doppio filo a quello del misterioso uomo e di una donna, Katya, che conquisterà anche il suo cuore. La casa Russia racconta una storia di “spionaggio alla fine dello spionaggio”: una storia in cui il terrore politico che aveva dominato indiscusso la cultura globale fino all’anno prima dell’uscita di questo film si propone di risolvere i rapporti e di distendere i contrasti, di fatto riaccendendoli. La morale del film, infatti, sembra essere un’apertura di speranza per un mondo in cui è possibile far valere le leggi umane e sentimentali sopra quelle giuridiche. Qui si apre la grande contraddizione di un film americano in ogni sua parte e dato stilistico che cerca di mostrarsi malleabile proprio al momento dell’affermazione della sua posizione. O, meglio, la contraddizione dell’omonimo romanzo di John le Carré. L’atmosfera del titolo, comunque, alterna fasi di tensione a momenti in cui domina una certa poetica algida, ma non per questo meno pregnante di significato e sentimento. Sean Connery e Michelle Pfeiffer mettono in atto un sistema di interpretazioni per cui ad ognuno dei due personaggi sono attribuite svariate sfaccettature e, a seconda della loro combinazione, il dialogo costruito dà un’impressione diversa agli onnipresenti ascoltatori. Soprattutto per quanto riguarda la Pfeiffer, il dialogo si moltiplica, in quanto non solo è il personaggio a dover interagire con gli altri personaggi, ma è anche l’attrice stessa a dover vestire i panni di una donna russa, figura che, per molti anni, è stata profilata come il nemico da battere. Riflettere su un film come questo alla luce delle attuali vicende nell’Est dell’Europa dovrebbe servire a riaprire le finestre anche su quella parte di mondo che l’attualità sembra ben volentieri dimenticare. In questo caso La casa Russia ottiene il risultato di mostrarci la finzione, sottolineare la fallacità delle strategie sotterranee e metterci in guardia da esse. O, almeno, questo è il significato auspicato.

La casa Russia [The Russia House, USA 1990] REGIA Fred Schepisi.
CAST Sean Connery, Michelle Pfeiffer, Klaus Maria Brandauer, Roy Scheider, James Fox, John Mahoney.
SCENEGGIATURA Tom Stoppard. FOTOGRAFIA Ian Baker. MUSICA Jerry Goldsmith.
Spionaggio, durata 122 minuti.

2 Comments

  1. dracomilan says:

    Leggendo la recensione del film è forte la sensazione che sia stato visto un film diverso… o che ci sia affidati solo alla lettura del libro.

  2. Stefano says:

    Come spesso capita nei film poco curati, l’oggetto dello spionaggio viene lasciato criptico, oppure spiegato velocemente con due semplici parole. Ed è un disastro, poichè intorno all’oggetto del contendere di solito si comprendono le azioni dei protagonisti e degli altri personaggi. In questo film si accenna infatti ad “una lista della spesa”, ad un “questionario” e ad “una pubblicazione”, ma di fatto non svelano l’arcano.
    La storia d’amore è di fatto troppo veloce per essere di fatto vissuta come vera a cui contribuisce una pessima, se non addirittura fuori luogo colonna sonora decadente. Tradotto il film non è un film di spionaggio e addirittura sembra essere catapultato in una realtà decadente di cui non si può determinare l’anno esatto. Un bel fiasco per Sean Connery. Eri meglio nei panni Bond

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly