adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

In nome del popolo italiano (1971)

sabato 14 Giugno, 2014 | di Edoardo Peretti
In nome del popolo italiano (1971)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

BRASILE 2014 – SPECIALE MONDIALI DI CALCIO
Presente e futuro
In nome del popolo italiano non è solo il miglior film di Dino Risi degli anni Settanta (e di tutta l’ultima parte della sua carriera), quello che più può essere paragonato al periodo di maggiore forma del regista, cioè i primi anni Sessanta de I mostri, Il sorpasso e di Una vita difficile, ma anche uno dei meno conosciuti e celebrati.

In nome del popolo italiano è anche un film di un’attualità paurosa e di una lungimiranza incredibile, che, con poche differenze, sarebbe tranquillamente potuto essere girato negli anni Novanta e nei primi Duemila. Qui Risi dimostra e conferma infatti di avere l’occhio lungo su come la società italiana si stava evolvendo, e verso quale destinazione era diretta,mediacritica_in_nome_del_popolo_italiano1a prevedendo molto di quello che avremmo letto sui giornali venti, trent’anni dopo, a partire dallo scontro tra il magistrato intransigente tutto d’un pezzo e il grande imprenditore altrettanto tutto d’un pezzo nella sua furfanteria esibita e un po’ cialtronesca. Rivedendo il film oggi alla luce delle cronache politiche e giudiziarie che dal 1994 si ripetono più o meno sempre uguali, inevitabilmente il pensiero va a quella persona il cui nome Walter Veltroni nel 2008 non voleva pronunciare e allo scontro con la magistratura: e più in generale allo scontro senza se e senza ma tra due Italie diverse e inconciliabili, elemento meno banale da prevedere e che invece Dino Risi già allora rappresentava come ormai inevitabile. In un Bel Paese che già in quegli anni iniziava ad essere sempre meno tale, per colpa di un abusivismo edilizio e di una sporcizia diffusa – elementi rappresentati in maniera quasi espressionista, simboli iconici di un degrado più vasto – Risi allo stesso tempo analizza chirurgicamente la società coeva e usa la palla di cristallo per il futuro, certamente non prendendo le parti dell’imprenditore arruffone, criminale nel pubblico e meschino nel privato, ma non cadendo neanche nell’errore di fare del magistrato né un santo né un eroe: anche la toga passa sotto le forche caudine del sarcasmo di costume risiano, da questo punto di vista prevedendo certi eccessi e prese di posizioni indiscutibili di frange del potere giudiziario. In nome del popolo italiano è un film disincantato, acuto e pessimista che, come la scelta finale del magistrato dimostra, non dà segni di speranza, come se il destino dell’Italia fosse già irrimediabilmente scritto. Infine: che c’entra quest’opera con uno Speciale sul calcio al cinema? C’entra, perché il magistrato sceglie di fare quello che fa nel finale (nessuno spoiler per chi non l’avesse visto) proprio assistendo alle reazioni del popolo italiano alla vittoria della nazionale sull’Inghilterra (che avverrà solo nel 1973, due anni dopo l’uscita del film, altra acuta predizione di Risi): disgustato, un po’ per snobismo preconcetto e un po’ giustificato da certe esagerazioni, associa la figura dell’odiato imprenditore, diventato per lui un’ossessione, al tifoso medio che lo disgusta, per lui altro simbolo del degrado del Paese.

In nome del popolo italiano [Italia 1971] REGIA Dino Risi.
CAST Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Eli Galleani, Yvonne Furneaux, Enrico Ragusa.
SCENEGGIATURA Age e Scarpelli. FOTOGRAFIA Sandro D’Eva. MUSICHE Carlo Rustichelli.
Commedia/Drammatico, durata 99 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly