adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Synecdoche, New York

sabato 21 Giugno, 2014 | di Luca Giagnorio
Synecdoche, New York
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Che cosa stiamo dicendo?”, “Non lo so”
Caden Cotard è un regista teatrale di successo, ma in cerca dell’opera definitiva, “sincera e senza compromessi”; è un uomo lasciato dalla moglie, ma incapace di trovare stabilità con altre donne; è un malato (immaginario?) convinto di essere ormai prossimo alla morte.

Teatro è vita. Vita è rappresentazione. Rappresentazione è illusione. Illusione è ricordo. Ricordo è senso del tempo. Senso del tempo è interiorità. Interiorità è pensiero. Pensiero è flusso di coscienza. Flusso di coscienza è Charlie Kaufman. Ecco come si sviluppa l’esordio alla regia del cerebrale autore di Essere John Malkovich e Se mi lasci di cancello. Un film dall’andamento irregolare e frammentario, con più narrazioni che si incrociano e mescolano,mediacritica_synecdoche_new_york in cui si confondono realtà, finzione e ricordo, un gioco di scatole cinesi in cui sono messi in scena, impossibili da distinguere, anche sogni, illusioni e pensieri dei personaggi. Un film spiazzante, privo di linearità temporale e dai nessi logici labili: un flusso d’immagini, di eventi e di dialoghi di ardua lettura. Un geniale e surreale stream of consciousness cinematografico, un racconto onirico che procede per associazioni e sostituzioni (come suggerisce il titolo) di termini, dove ogni personaggio, ogni frase, ogni azione, rimanda a qualcosa di altro o (come pensa chi scrive) una sceneggiatura inutilmente labirintica, una regia incerta e ridondante, un montaggio fastidioso e approssimativo, un film autoreferenziale e supponente nel suo essere volutamente criptico? Nonostante il bel lavoro sulla scenografia, dispiace vedere Kaufman sprecare un cast di grande potenziale sperduto e sballottato tra malattie vere e presunte, case perennemente in fiamme, ragazze tatuate, viaggi a Berlino, donne delle pulizie che donne non sono, love story improbabili, psichiatri e medici da barzelletta, attori teatrali che interpretano personaggi reali e si innamorano dei loro stessi modelli. Al centro il drammaturgo Caden, i suoi fantasmi, le sue ossessioni, la sua solitudine. Sul fondo l’ennesima stantia riflessione sul ruolo dell’arte come specchio dell’esistenza, la vita come messa in scena, sospesa tra commedia e tragedia, di una realtà surreale in cui gli unici attori possibili siamo noi stessi. I registi di fiducia di Kaufman, Spike Jonze e Michel Gondry, sono stati giustamente alla larga da questa sceneggiatura fallace e confusa, certo non aiutata dall’inesperienza da regista del suo autore. Giova ricordare che Synecdoche, New York è del 2008 e allora sorge spontanea la domanda: se ne sentiva il bisogno della distribuzione a sei anni di distanza, sull’onda della morte (e sorvoliamo sul cattivo gusto) di Philip Seymour Hoffman? La domanda è retorica, ma evitiamo fraintendimenti: no.

Synecdoche, New York [id., USA 2008] REGIA Charlie Kaufman.
CAST Philip Seymour Hoffman, Samantha Morton, Michelle Williams, Catherine Keener, Dianne Wiest.
SCENEGGIATURA Charlie Kaufman. FOTOGRAFIA Frederick Elmes. MUSICHE Jon Brion.

Drammatico, durata 124 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly