adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

A Mondiali finiti

domenica 20 Luglio, 2014 | di Roy Menarini
A Mondiali finiti
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Niente è più deperibile dell’evento sportivo. Tanto ossessiva e martellante si rivela la grancassa mediatica durante la competizione, quanto poi ci si dimentica di tutto appena finito l’appuntamento. Nel caso dei mondiali di calcio, non fosse per la panchina italiana ancora scoperta, sta succedendo la stessa cosa. E si ripiomba nel calcio mercato.

Eppure, un piccolo bilancio, specie su una testata come questa – dove occuparsi delle immagini in movimento nel senso più lato è naturale – andrebbe tratto. Ci proviamo.mediacritica_editoriale_a_mondiali_finiti
Ovviamente non importa analizzare calcisticamente la questione (se interessa: al sottoscritto sono parsi ottimi mondiali per motivi tecnico-tattici, e per il livellamento generale della squadre, capace di rendere incerte molte partite). Piuttosto, parlerei ancora una volta di linguaggio televisivo, che – come ho scritto su altre testate – molto spesso (pur nella sua apparente standardizzazione) anticipa innovazioni tecnico-stilistiche in seguito ereditate da cinema e serialità.
In Brasile non si è visto gran che di originale: non erano nuovi né lo slow-motion dei replay, né i primissimi piani dei calciatori, né le fly-cam sopra il campo e dietro la porta, né i numerosi punti di ripresa. No, quello che è saltato agli occhi, talvolta con una certa irritazione da parte del calciofilo, è stato il protagonismo attribuito al pubblico da parte dalle regie. Tifosi in festa, tifosi in lacrime (specie dopo l’1-7 del Brasile, un vero mélo), tifosi addormentati, tifosi agghindati, tifosi fashion, tifosi cosplay, tifosi under e tifosi over, mai – dico mai – tifosi ultrà. Al di là della soddisfazione di veder tornare emozioni e sentimenti non violenti sugli spalti (e chi ha ridicolizzato le lacrime dei supporter come troppo enfatiche, ricordi che in Italia abbiamo appena sepolto un tifoso preso a colpi di revolver per una Coppa Italia), questa “narrativizzazione” drammatica ci pare suggestiva.
Lo sport ha da tempo immemore intrapreso la strada della narrazione, sia ex-post (basti pensare alla bella trasmissione di Federico Buffa su Sky, dedicata al racconto teatrale dei mondiali passati) sia durante la partita stessa, dove epica e poema eroicomico sono il contesto del “grande racconto sportivo”. Quel che si aggiunge in epoca post-mediale è una forte estetizzazione del gesto, attraverso l’enfasi del rallentato e dell’HD, nonché una probabile apertura, sempre più intensa, alle gradazioni emotive degli spettatori “live”, mutuata da altri sport, come il tennis, uno di quelli che – con i tanti tempi morti che possiede – permette numerosi stacchi sul pubblico.
Certo, c’è bisogno di qualcosa da raccontare. E se la favola del Costa Rica o l’impresa sfiorata del Cile suggeriscono cultura esotica, patriottismo da piccole nazioni, splendide carnevalate sugli spalti nella cornice del clima estivo, riesce più difficile immaginare una “narrazione” di questo tipo per un Chievo-Sampdoria di fine gennaio. Ma a noi interessa poco, perché intanto, dentro lo sport, c’è sempre più cinema, e – forse – viceversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly