adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Im Keller (In the Basement)

sabato 30 Agosto, 2014 | di Stefano Lalla
Im Keller (In the Basement)
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

71a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 27 agosto – 6 settembre 2014, Lido di Venezia

Il rimosso spostato in cantina
Il nuovo documentario di Ulrich Seidl è un’indagine sulla cantina come luogo dei misfatti e delle passioni inconfessabili. Spinti dalle loro mogli e dalla pressione sociale, gli anziani protagonisti di In the Basement nascondono sotto terra le proprie collezioni impresentabili: trofei di caccia, memorabilia nazista e addirittura un poligono di tiro.

I tratti stilistici di Seidl documentarista sono i seguenti: ossessione per la geometria delle inquadrature (in più di un’occasione ci chiederemo come abbia fatto a filmare senza buttare giù qualche parete), lunghezza e staticità delle stesse, mancanza di commento musicale (quando c’è, è diegetico e spiazzante) e una propensione per le persone anziane e/o grottesche. mediacritica_keller_in_the_basement_290In pratica il suo documentario è uguale ai suoi film a soggetto, ma questo non è necessariamente un difetto. Proprio come nella “trilogia del paradiso”, Seidl va in cerca delle personalità più eccentriche e le racconta con particolare distacco emotivo. Il regista austriaco non vuole estrarre un campione significativo di persone che rappresentano un gruppo particolare, piuttosto punta dritto ai soggetti più rimarcabili (in senso negativo). Certo, tutti i campioni sono significativi, ma non tutti i vecchietti austriaci hanno un ritratto del Führer in cantina. Scartiamo quindi l’ipotesi dell’indagine etnografica e analizziamo In the Basement come metafora di un particolare tipo di rimosso. Non il rimosso delle passioni più violente o immediatamente pericolose, i protagonisti sono patetici e innocui, ma un rimosso scomodo, quello delle pratiche imbarazzanti che condividiamo solo con gli amici più stretti: la tassidermia, le pratiche sadomaso o il collezionismo di oggettistica della seconda guerra mondiale. È un lerciume sotterraneo che ci fa provare imbarazzo, ma anch’esso va condiviso con qualcuno, come tutte le passioni. L’odio e la perversione covano sottoterra come la brace incandescente: un gruppo di vecchi amici si ritrova in cantina per ricordare i tempi del nazismo (loro erano bambini, forse nemmeno erano nati), tre vecchietti discutono l’inferiorità della cultura araba mentre un uomo di mezza età si fa appendere per le palle dalla sua compagna/dominatrice. I lunghi sguardi in macchina di herzoghiana memoria ci mostrano la banalità spiazzante dei protagonisti, ma mettono anche in luce i limiti dello sguardo di Seidl, che non è sempre così distaccato come vorrebbe farci credere (i suoi soggetti sono spesso lasciati immobili, lo sguardo fisso nell’obiettivo e una musica ridicola che si propaga nell’aria. Troppo facile ottenere il grottesco in questo modo). In the Basement dura solo 80 minuti ma può annoiare lo stesso per via della ripetitività delle situazioni (una scelta coerente coi soggetti presi in analisi) e della totale mancanza di struttura. Mettendo da parte queste tare, il film di Seidl fa un ottimo lavoro nel dare immagine alle perversioni più scomode. Dopo averlo visto proveremo angoscia ogniqualvolta vedremo la presa d’aria di un seminterrato.

Im Keller [In the Basement, Austria 2014] REGIA Ulrich Seidl.
FOTOGRAFIA Martin Gschlacht.
Documentario, durata 81 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly