adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Look of Silence

mercoledì 3 Settembre, 2014 | di Filippo Zoratti
The Look of Silence
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

71a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 27 agosto – 6 settembre 2014, Lido di Venezia

Cosa sa il cinema che noi non sappiamo?
Nel corso del denso documentario From Caligari to Hitler, visto nella sezione “Venezia Classici” della 71a Mostra del Cinema di Venezia, ricorre puntuale una domanda: cosa sa il cinema che noi non sappiamo? Se lo chiede la voce fuori campo, mentre sullo schermo scorrono immagini che mettono in relazione l’espressionismo tedesco di Lang, Murnau e Wiene con l’ascesa del Nazismo.

Quando due anni fa iniziò a circolare lo sconvolgente The Act of Killing di Joshua Oppenheimer lo stupore fu per uno spicchio di Storia sconosciuto all’Occidente. In cerca di riferimenti “tangibili” vennero facilmente in mente proprio la Seconda Guerra Mondiale e il genocidio subito dagli ebrei. Cosa sarebbe successo se Hitler fosse rimasto al potere?mediacritica_the_look_of_silence Senza alcuna revisione, in quali termini parleremmo oggi dello sterminio perpetrato nei confronti di milioni di esseri umani “indesiderati”? La risposta arriva dall’Indonesia e dalla legittimazione della Gioventù Pancasila, tutt’ora al governo: nel biennio 1965-1966 l’esercito depone le autorità di Giacarta e massacra tutti coloro che arbitrariamente vengono ritenuti comunisti e minacce per la nuova dittatura. La potenza di fuoco di The Act of Killing sta nel grottesco e paradossale racconto diretto dei carnefici, che rievocano con esaltazione gli omicidi più efferati, addirittura mettendoli in scena come fossero sequenze di film western o d’azione. Un saggio di banalità del male come mai prima si era visto, orchestrato da Oppenheimer facendo leva sul nostro desiderio di conoscenza, veicolato dalla necessità di continuare a guardare l’orrore, la deformazione e la corruzione senza distogliere lo sguardo. Un’operazione rotonda, completa. Almeno fino alla visione di The Look of Silence, che ci offre una porzione di verità che non avevamo considerato: non più il punto di vista dei colpevoli irredenti, ma quello delle vittime; non più la denuncia delle colpe, ma la ricerca del perdono. Come diastole e sistole di uno stesso sistema, The Look e The Act andrebbero visti insieme, in dittico, parti complementari di un solo percorso di consapevolezza. Osservare l’oculista 44enne Adi che affronta i torturatori e li interroga sulla spaventosa morte del fratello non significa accontentarsi di materiali di scarto – come si è vociferato alla Mostra – ma completare lo sguardo d’insieme, o spingere chi non ha visto The Act of Killing a farlo. E non è solo un privilegio del pubblico festivaliero: grazie alla casa di distribuzione I Wonder Pictures (che ha portato al cinema anche Sugar Man, Stories We Tell, Stop the Pounding Heart) il lavoro di Oppenheimer è e sarà visibile anche in sala. Una menzione necessaria, perché se il cinema conosce ancora storie che ignoriamo c’è anche bisogno che qualcuno queste storie le renda visibili.

The Look of Silence [Id., Danimarca/Indonesia/Gran Bretagna/Norvegia 2014] REGIA Joshua Oppenheimer.
SOGGETTO Joshua Oppenheimer. FOTOGRAFIA Lars Skree. MONTAGGIO Niels Pagh Andersen.
Documentario, durata 98 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly