adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence

sabato 6 Settembre, 2014 | di Stefano Lalla
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

71a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 27 agosto – 6 settembre 2014, Lido di Venezia

SPECIALE 71a MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA
I’m happy to hear you’re doing fine!”
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence chiude un’ideale trilogia sull’essere umano con la quale Roy Andersson ha raccontato le bassezze e la miseria dell’uomo con il suo humour nero e sottile, decisamente scandinavo.

A Pigeon calca maggiormente sul lato comico ed è quindi più accessibile rispetto agli impalpabili Canzoni dal secondo piano e You, the Living, ma la cattiveria del regista svedese è rimasta invariata. I suoi personaggi sono zombi pallidi e anziani rimbambiti che muoiono per lo sforzo di aprire una bottiglia di vino.mediacritica_a_pigeon_sat_on_a_branch_reflecting_on_existence_1a Piccolo borghesi laconici, imbarazzati e imbarazzanti o venditori di scherzi di carnevale depressi, sono questi i protagonisti dei quadretti di Roy Andersson. Il film è, infatti, un mosaico a episodi connessi tra loro da legami debolissimi e privi di qualsiasi drammaturgia di fondo. Fra i pochi collanti c’è una frase che viene ripetuta più volte: “I’m happy to hear you’re doing fine!”. I personaggi di Andersson non sono in grado di ribellarsi alla propria miseria esistenziale, la accettano con rassegnazione mantenendo un ipocrita contegno di facciata oppure la esorcizzano opprimendo gli individui più deboli. D’altronde essi non possono liberarsi del proprio lato triste o maligno e la trilogia di film ha voluto toccare gli aspetti più odiosi degli esseri umani che, secondo Andersson, appartengono all’homo sapiens a prescindere dalla sua provenienza geografica. L’umorismo ermetico di Andersson si semplifica un po’ quando mette in scena la violenza, che comunque rimane sempre patinata e ingessata. Chi la perpetra lo fa in modo meccanico e privo di interesse, mentre chi la subisce è troppo educato (o fatalista) per ribellarsi. Ogni quadro è un piano sequenza a inquadratura fissa, sempre orchestrato in maniera magistrale. I soggetti sono sempre a figura intera, la mancanza di primi piani determina un forte distacco emotivo ma anche l’importanza di vedere il film al cinema per poter spaziare con lo sguardo all’interno delle amplissime composizioni e coreografie umane (sempre in profondità di campo). Andersson si è formato sui set pubblicitari, da qui deriva la sua grande cura per la fotografia e l’ottima capacità di gestire gli spazi. Alcuni degli episodi sorprendono per la semplice difficoltà tecnica e per la quantità di comparse, tutte coreografate alla perfezione e senza l’appiglio degli stacchi di montaggio. La lavorazione del film ha, infatti, richiesto quattro anni che diventano quattordici per l’intera trilogia. Ma A Pigeon è anche un esperimento di linguaggio che sorprende per la varietà e il coraggio registico. In esso troveremo contaminazioni storiche demenziali, pezzi musicali inaspettati, sguardi in macchina e molte altre trovate che si amalgamano alla perfezione in un’unica, riuscitissima ricetta.

A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence [En duva satt på en gren och funderade på tillvaron, Svezia 2014] REGIA Roy Andersson.
CAST Nils Westblom, Holger Andersson.
SCENEGGIATURA Roy Andersson. FOTOGRAFIA István Borbá, Gergely Pálos.
Commedia/Drammatico, durata 101 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly