adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Good Kill

sabato 6 Settembre, 2014 | di Massimo Padoin
Good Kill
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

71a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 27 agosto – 6 settembre 2014, Lido di Venezia

SPECIALE 71a MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA
L’occhio e il braccio del drone

Base di numerose teorie sul cinema, lo sguardo spettatoriale impotente e la corrispondenza personaggio/spettatore oggi ritrova eco nell’ultima pellicola di Andrew Niccol, Good Kill.

Aggiornato ai nostri tempi, il concetto viene trasposto nelle operazioni militari USA in Afghanistan, o meglio di chi opera sul campo standosene seduto a casa per pilotare i droni da bombardamento. Quello della pellicola è uno sguardo ibrido, del resto il protagonista ha la possibilità d’intromettersi sul terreno di battaglia perché suo è il dito che preme il grilletto che lancia il missile,mediacritica_good_kill_1a ma è proprio il contrasto con l’impossibilità di essere presente sul campo che è causa della sua depressione, lui non vola più, lui simula di volare, non ha più la concreta paura di vivere la guerra. Ma dall’altro lato è l’impossibilità di agire ad essere l’intuizione drammatica di maggior rilievo in Good Kill, le azioni perdono concretezza mentre gli ordini si eseguono, e il maggiore Tommy è uno che gli ordini li esegue. Bombardare nonostante la presenza di civili non è un comando che può esser discusso e ancor più significativa è l’impossibilità d’intervenire quando l’occhio del drone trasmette uno stupro in diretta, l’impotenza di chi osserva è palese. Tutto questo si ripercuote sull’esistenza del protagonista, la sua vita scivola in un nulla privo di reazione, di chi vorrebbe vivere il nucleo famigliare solo nel momento di ritorno dall’azione. Il deserto di Las Vegas stesso diviene specchio di questa piattezza esistenziale, l’esistenza diventa l’artificiale occasione di vita offerta dall’esercito per gli impiegati della guerra. Good Kill, come spesso la carriera di Niccol ha dimostrato nei progetti da lui scritti e diretti, parte con spunti narrativi eccellenti per cedere successivamente sotto gli stessi per colpa di un’articolazione del racconto che tende a disperderli, e in quest’ultima pellicola cade più fragorosamente che mai. Con l’intento di sospendere il giudizio sull’utilizzo dei droni e dell’impegno bellico stesso, al contrario le parole del capitano delineano l’esistenza di un circolo vizioso conflittuale che non può esser spezzato e che per di più non può esser discusso. Lungi dall’essere una critica ideologica la mia invece vuole mettere in mostra invece la contraddittorietà della pellicola stessa: se l’assurdità dei comandi mostra un’impotenza all’agire e l’alienazione di soldati istruiti a combattere davanti a schermi che tutto fanno fuorché donare il peso materiale della morte ritraendo un paesaggio bellico mostruoso, poco comprensibile è la svolta finale dove il drone diviene macchina di giustizia personale per metter fine a crimini lontani. In questo crolla anche il concetto di distacco voyeuristico, elemento principe d’impressione nella pellicola. È vero, il personaggio finalmente agisce, ma per quale significato nemmeno lui sembra saperlo.

Good Kill [id., USA, 2014] REGIA Andrew Niccol.
CAST Ethan Hawke, January Jones, Zoe Kravitz, Bruce Greenwood.
SCENEGGIATURA Andrew Niccol. FOTOGRAFIA Amir Mokri. MUSICHE Thomas S. Drescher.
Guerra, durata 104 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly