adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La quiete dopo la tempesta sul Lido

mercoledì 10 Settembre, 2014 | di Camilla Maccaferri
La quiete dopo la tempesta sul Lido
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Caggiono i regni intanto/Passan genti e linguaggi: ella nol vede/E l’uom d’eternità s’arroga il vanto. (Giacomo Leopardi, La ginestra o Il fiore del deserto).

Davanti all’attracco dell’Excelsior aspettiamo passare il cadavere di Venezia 71, un’edizione all’insegna della mestizia e del pessimismo cosmico leopardiano che, per una strana beffa del destino, si trova a essere protagonista di una delle pochissime visioni memorabili di questo Festival ormai agonizzante. Tutto è iniziato qualche anno fa, con l’apertura dell’orrendo squarcio davanti al Casinò: doveva essere la sede del nuovo Palazzo del Cinema, è diventato il Ground Zero del Lido. Da allora in poi, giù per un ripido declivio che quest’anno sembra aver toccato il fondo (ma mai dire mai). Dopo l’annuncio di un programma imbarazzante, con la diserzione totale dei grandi nomi che hanno preferito Toronto o addirittura il piccolo ma crescente Festival di New York (David Fincher, Paul Thomas Anderson), dopo la scelta di una giuria semisconosciuta, presieduta dal pur Mediacritica_Editorialebravo Alexandre Desplat, dopo l’assenza totale di divi da red carpet (ci si è dovuti accontentare di un senile Al Pacino e del prezzemolino James Franco), la defezione del pubblico e degli accreditati, anche il lato glamour è stato totalmente ridimensionato, come vuole Mamma Crisi. Niente più terrazze brandizzate e feste esclusive, niente più stand per cinefili al Movie Village: solo i soliti, irriducibili chioschetti dove è sempre possibile avere uno spritz a due euro in bicchiere di plastica. Vero è che qualche pellicola notevole, dentro e fuori concorso, si è vista (pensiamo a Birdman, a Belluscone, a Il giovane favoloso) e che il Leone d’Oro a Roy Andersson ha riconciliato con questa Mostra molti animi tempestosi. Ma la presenza di certi titoli abominevoli in competizione (su tutti, Good Kill, sciocco polpettone hollywoodiano) e la scelta di altri solo per creare sensazionalismo e polemiche (Pasolini di Abel Ferrara in qualunque altra kermesse sarebbe stato relegato al mercato, com’è stato a Cannes per il precedente Welcome to New York) non fanno che portare malcontento. Si conclude la débacle con una doppia Coppa Volpi affibbiata a due protagonisti di Hungry Hearts di Saverio Costanzo: francamente un film brutto, ma non certo a causa degli interpreti. Quello che disturba, però, dopo il controverso Leone d’Oro a Sacro GRA dello scorso anno, è la volontà provinciale di dover celebrare le “glorie” di casa nostra, quasi una beffa a Elio Germano e al suo ottimo Leopardi, e la mancanza di una presa di coscienza franca e responsabile sulle condizioni preoccupanti in cui sta versando la Mostra. D’altro canto, senza glamour, e, soprattutto, senza cinema Venezia non ha più ragione di esistere: sarebbe meglio che, anziché optare per un malsano negazionismo, si affrontasse apertamente il problema e ci si interrogasse sulle ragioni che portano i nomi che contano al rifiuto. Sarebbe meglio cercare di intervenire ora, ammesso che non sia già troppo tardi, prima che uno dei vanti culturali di casa nostra si trasformi in una becera sagra della porchetta per radical chic, prima che il sole tramonti per sempre sul Lido. Piangi, che ne hai ben donde, Venezia mia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly