adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Confort Television

sabato 20 Settembre, 2014 | di Sara Martin
Confort Television
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Su che canale ci sintonizzavamo vent’anni fa quando avevamo un momento di tempo libero, magari nell’attesa di sederci a tavola, oppure mentre eravamo occupati in qualcos’altro? E dieci anni fa? Qual era la nostra “confort television” capace di farci staccare la spina per un po’?

Nel 1994, quando Telepiù era cosa da ricchi o da esperti del settore, le tre reti Mediaset erano i canali prediletti per un uso interstiziale della televisione nell’arco della giornata. C’erano Forum con Rita Dalla Chiesa (quello c’è ancora… ma ora è peggio: lo conduce la Palombelli), Agenzia Matrimoniale e Ti amo, parliamone con Marta Flavi;mediacritica_confort_television Magnum P.I., A-Team e MacGyver (in questo preciso ordine e a partire dalle 16 circa) e poi i quiz popolari del pomeriggio o del preserale, quelli facili che richiedono basse competenze, come per esempio La ruota della fortuna con Mike Bongiorno o Ok, il prezzo è giusto! con Iva Zanicchi.
Nel 2004 eravamo in piena epoca “format d’importazione” con il successo dei reality show (terza e quarta edizione di Grande Fratello – già in discesa con la conduzione di Barbara D’Urso) e dei “big money show” come Chi vuol essere milionario?. Ma Sky, nata in Italia un anno prima, entrava velocemente nelle case degli italiani e altrettanto velocemente iniziavano ad imporsi canali tematici di diversa natura.
Nell’arco di dieci anni, soprattutto grazie al digitale terrestre, il cambiamento è stato gigantesco. Oggi la tv che guardiamo nei ritagli di tempo (ma forse preferiamo sempre più intrattenerci con i social o col web in generale) è altra cosa. Oggi ci sono i canali tematici. Fine Living, che è stato lanciato in Italia a marzo, si occupa di factual entertainment (moda, arredamento, cucina, viaggi). Su Fine Living ci sono persone che ci raccontano della loro decisione di cambiare vita e cercare casa alle Hawaii (Hawaii Life), oppure ci vengono mostrate le case con le piscine più belle che si possano immaginare (Piscine da urlo), o ancora c’è un personaggio pelato e simpatico che va in giro per gli hotel degli States a cercare la sporcizia e il degrado nelle camere, per dare una mano ai proprietari a far in modo che gli affari migliorino (Hotel da incubo). E noi, in quei dieci minuti prima di cena, o la sera tardi quando per andare a letto è presto, ma per iniziare a vedere un film è tardi, siamo letteralmente catturati da queste trasmissioni. Perché ci interessano le case degli altri e le macchie sui copriletti degli hotel? Perché questi sono format praticamente privi di target: li guarda un ragazzino così come una casalinga o un pensionato. Hanno una struttura semplice e universalmente codificata: per quanto esile ogni episodio rispetta una classica ripartizione in tre atti che incolla lo spettatore allo schermo. Non fanno distinzione di classe sociale: chiunque può essere attratto da un viaggio a sorpresa (Trip Flip), o dal migliore cibo di strada del mondo (Street Food). È una televisione rilassante, confortevole, sa svuotare il nostro cervello anche solo per una mezz’ora. A qualcuno piace, a qualcuno no. Ma oggi possiamo scegliere, ed è meglio così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly