adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Pasolini

sabato 27 Settembre, 2014 | di Edoardo Peretti
Pasolini
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Siamo tutti in pericolo
Pasolini è una vittima di quell’esaltazione “post mortem” il più delle volte strumentale, che ha l’obiettivo di addomesticare la grandezza dell’intellettuale semplificando il suo pensiero e banalizzando la sua biografia, anche trasformando in un simbolo dell’omologazione intellettuale colui che in realtà era esattamente l’opposto.

Per questo motivo il fatto che sia stato un regista straniero ad affrontare la sua figura è, di per sé, un fatto positivo, anche tenendo conto che molti registi nostrani sono più o meno direttamente collegati a quel retroterra politico che di questa sterilizzante e sterile mitizzazione è stato il protagonista principale. mediacritica_pasoliniEvitando sia il santino che il bio-pic realista, così come ignorando la strada dell’inchiesta, fondata o dietrologica che fosse, Abel Ferrara sceglie di rimanere fedele a se stesso, e accosta Pasolini a molti dei protagonisti più celebri della sua filmografia, puntando sulla quasi quotidiana e insistita discesa all’inferno del poeta. Questa viene esplicitata sia citando la celebre intervista concessa due giorni prima di essere ucciso a Furio Colombo (“Siamo tutti in pericolo”) sia rappresentando senza edulcorazione le sue abitudini e le sue frequentazioni notturne, restituite con il sapore di terra e di periferia e con l’odore della notte che a loro competono, ben più del raffinato profumo dei salotti intellettuali dove si è spesso preferito glissare. Per Pasolini la continua discesa agli inferi era un modo per cercare il senso del Sacro, della bellezza e della purezza, esattamente come per Abel Ferrara nella sua vita e per i protagonisti dei suoi film. Questa comunanza tra il regista italoamericano e lo scrittore di origine bolognese permette a Ferrara di fare una cosa coraggiosa e sulla carta impensabile: mettere in scena quello che Pasolini aveva solo potuto immaginare, quel PornoTeoKolossal che stava progettando come seconda puntata della trilogia sulla morte. Le immaginifiche scene di quel film nella realtà solo immaginato, significativamente ambientate nel presente, esplicitano l’ammirazione e il senso di vicinanza che Ferrara prova verso Pasolini. E rendono Pasolini allo stesso tempo un film estremamente concreto e un’opera quasi fantastica, ambientata da un lato nelle pieghe di una mente enorme proprio per il suo “sporcarsi” col mondo, e dall’altro nell’universo parallelo di un film che non esiste ma in cui si sarebbero potute trovare le chiavi per capire il futuro (cioè, il nostro presente). Non è un caso che le scene più deboli del film siano quelle più realiste e “di cronaca”, spesso rese in modo didascalico, in maniera quasi annoiata, come fossero dei raccordi narrativi necessari ma da sistemare il più brevemente possibile. Pasolini risulta così un film affascinante e ambiguo, a tratti scostante e in altri magnetico, potente nei momenti migliori come in quelli più effettistici e ingenui.

Pasolini [id., Italia/Belgio/Francia 2014] REGIA Abel Ferrara.
CAST Williem Dafoe, Ninetto Davoli, Riccardo Scamarcio, Adriana Asti, Maria De Medeiros.
SCENEGGIATURA Maurizio Braucci, Abel Ferrara. FOTOGRAFIA Stefano Falivene.
Drammatico, durata 97 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly