adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Sin City – Una donna per cui uccidere

sabato 4 Ottobre, 2014 | di Vincenzo Palermo
Sin City – Una donna per cui uccidere
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Bulli, pupe e (poca) fantasia
Dopo una lunga gestazione, la coppia Rodriguez – Miller ci riprova: Sin City nove anni dopo è il solito crocevia di pupe da sballo, sfigurati villain, eroi testosteronici, delitti e passioni, ma stavolta nel tritatutto stilizzato e stereoscopico dei co-registi c’è un ingrediente aggiuntivo, la noia.

A Sin City sfrecciano Mustang e altre auto d’epoca, fari baluginanti nel buio su cui saettano detective in spolverino, mercenari a cottimo e femmes fatales in nome delle quali uccidere è imperativo (a)morale. Al Kadie’s Bar nella Città Vecchia, quartier generale delle prostitute interdetto alla polizia, si ritrovano Marv, eroe tardoromantico e immemore, Dwight McCarthy (Josh Brolin per Clive Owen),mediacritica_sin_city_2 investigatore caduto nella trappola della sua vecchia fiamma Ava Lord, e Johnny, incallito giocatore d’azzardo che sfida la persona sbagliata. La “piccola e dolce Nancy Callahan” sculetta e si dimena come non mai, perfezionando sempre di più i suoi stacchetti erotici e meditando vendetta nei confronti del senatore Roark, responsabile del suicidio dell’amato John Hartigan, mentre le prostitute di Old Town sono ridotte a mero contorno bondage senza arte né parte. Tranne lei, Gail, spietato capobranco che arriva in soccorso dell’ex Dwight sottomesso al giogo della letale Ava (Eva Green). In questo secondo capitolo, un po’ prequel un po’ sequel, tornano vecchie conoscenze, anche in veste di spettro (Bruce Willis/Hartigan) e, nella piovosa notte senza fine, fanno capolino nuovi personaggi come Johnny, il sogghignante Joseph Gordon-Levitt, presuntuoso giocatore d’azzardo in rotta di collisione con Roark, uomo cui non si possono pestare i piedi facilmente. Contro il padrone di Sin City si leva anche Nancy, più gothic punk che mai, alcolizzata e piena di cicatrici. Diciamolo subito, vale la pena calarsi nella “putrida città che insudicia tutto ciò che tocca”? Solo per sparuti motivi, primo per Ava Lord, dark lady mozzafiato pronta a spogliarsi di tutto, vestiti e morale, per architettare i suoi progetti criminosi e poi per l’estetica che unisce l’iperviolenza grafica a quella sporca dell’atmosferico noir chandleriano in cui tutti i personaggi devono fare i conti col proprio passato sempre in bilico tra colpa e redenzione. Ma le tavole hard boiled sul grande schermo le avevamo già “sfogliate” nel primo episodio ed erano il vero effetto novità. Nel sequel, in cui due delle quattro storie sono state scritte per l’occasione da Miller, ci sono più “forme” (quelle prorompenti di Eva Green) che sostanza. Tra momenti di pura noia (in mezzo a sparatorie, inseguimenti, arti mozzati e belle donne), buchi nello script ed eroi troppo bidimensionali (alla faccia del 3d immersivo!), rimane il solito bianco e nero, il colore a sprazzi e la sensazione che il film sia giunto fuori tempo massimo.

Sin City – Una donna per cui uccidere [Sin City: A Dame to Kill For, USA 2014] REGIA Frank Miller, Robert Rodriguez.
CAST Mickey Rourke, Jessica Alba, Josh Brolin, Eva Green, Joseph Gordon-Levitt, Rosario Dawson.
SCENEGGIATURA Frank Miller. FOTOGRAFIA Robert Rodriguez. MUSICHE Robert Rodriguez, Carl Thiel.
Azione/Thriller, durata 102 minuti.

2 Comments

  1. Carlo says:

    Terribile!

  2. PippoZ says:

    Veramente un film esangue, privo di qualunque “senso”. Frank Miller dovrebbe smetterla, aveva già fatto danni micidiali con The Spirit!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly