adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il cinema “nobile” e la critica

domenica 12 Ottobre, 2014 | di Roy Menarini
Il cinema “nobile” e la critica
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Ci siamo davvero liberati del politically correct? Si pensava che, dopo il democratismo clintoniano e gli anni Novanta (di recente ristudiati anche da mostre e libri, che li hanno confermati come decennio chiave della contemporaneità), gli anni Duemila avessero fatto trionfare il realismo sull’eufemismo.

In uno strano impasto di ideologia fantascientifica – pensiamo ai comunisti reinventati da Berlusconi o alle armi di distruzione di massa ideate da Bush e Blair – e di real politik, la correttezza politica si è in effetti al tempo stesso sgretolata e riconfigurata. Per noi italiani, Renzi è il simbolo della scorrettezza politica, perché attacca a parole tutti i santuari retorici pre-esistenti, dai sindacati alla tradizione berlingueriana della sinistra. mediacritica_il_cinema_nobile_e_la_criticaCon Obama, in America, invece si è ritrovata una via alla correttezza politica, misurata sul fatto che essa era nata anche per tutelare le minoranze culturali ed etniche da facili stereotipi, e ora che un Presidente nero è salito alla Casa Bianca non si può certo pretendere che faccia battute sui gay o sugli ispanici, tutti anzi abbracciati nel mandato di tutela dei più deboli.
Dove andiamo a parare con questo preambolo? Domanda legittima. C’entra anche la critica cinematografica. L’ho pensato guardando Io sto con la sposa, ammirevole documentario di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry. Come noto, il film racconta il viaggio compiuto in quattro giorni da un gruppo di immigrati – travestiti da sposi e relativo corteo nuziale – da Milano fino in Svezia. Lo scopo è la richiesta di asilo politico, e la strategia un modo per aggirare le leggi del nostro Paese in termini di regolamentazione dei flussi migratori.
Ora, il film ovviamente scuote e non lascia indifferenti, specie chi ha una cultura di sinistra e una coscienza democratica. Inoltre, il progetto è stato finanziato con il crowdfunding, e nessuno può dire “beo” di fronte a questo atteggiamento autarchico. Si aggiunga che i registi hanno rischiato, e tuttora rischiano, sulla loro pelle, eventuali denunce e boicottaggi.
Dunque, il solo raccontare trama e genesi di Io sto con la sposa avrebbe esaurito le funzioni della critica. Chi mai si può mettere a trovare il pelo nell’uovo e stroncare una storia così commovente? Eppure il documentario è linguisticamente povero, rischia continuamente di cadere nel folklorico, è commentato in maniera elementare dalla colonna sonora. È disumano farlo notare? Come dovremmo valutarlo? Altrettanto sbagliata sarebbe una critica squisitamente formale che dimentica le condizioni materiali e il coraggio del progetto. Ma che cinema è questo? Anzi: è cinema? Lo dobbiamo vedere in sala solo perché viene distribuito ed è passato a Orizzonti a Venezia? O non sarebbe piuttosto un perfetto esempio di servizio pubblico controverso e originale, da programmare su RaiTre o su La 7 per vedere un po’ cosa succede in questo Paese dove il Ministro dell’interno fa di tutto per far sentire diversi i diversi?
Questo discorso, ovviamente, vale per tutti i film di nobili intenti di questo periodo, da La trattativa a La nostra terra, da Se chiudo gli occhi non sono più qui a La zuppa del demonio. Bisogna riparlarne e cercare di rimettere in gioco un discorso critico che scavalchi sia l’apprezzamento di circostanza sia il cinismo della scorrettezza fine a se stessa. Insomma, Io sto con la sposa non è certo una cagata pazzesca, ma bisogna poter dire che lo è, se lo si pensa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly