adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il piacere di essere smentiti

sabato 25 Ottobre, 2014 | di Andrea Moschioni Fioretti
Il piacere di essere smentiti
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Lo ammetto, sono un cinefilo romantico, nel senso più puro del termine, e quindi mi faccio ancora incantare dal cinema, morto o vivo che sia, ma soprattutto attendo con ansia alcune uscite al cinema. Mi incazzo, dibatto difendendo i miei film del cuore, e godo a parlare di essi.

Sono sicuro che tante firme – forse tutte – di questa rivista la pensano come me, ma da tempo è sempre più evidente che siamo rimasti in mediacritica_editoriale_moschionipochi, appassionati che si recano in sala il primo giorno di programmazione di un film, o che si arrabattano per vederlo con tutti i mezzi di cui oggi disponiamo. Nerd, illusi o “novellini”? Forse tutti e tre gli aggettivi, ma non è questo il punto. Una delle spiegazioni di tutto ciò può essere la latitanza dell’evento cinematografico, quello che, vuoi per un’accattivante pubblicità o per un passaparola massiccio, faceva la fortuna di una pellicola fino a una decina d’anni fa e forse più. I cinema ci passano come eventi imperdibili alcune pellicole del passato restaurate (ben vengano!), live dai maggiori teatri del mondo, concerti, visite virtuali a mostre e monumenti… e le uscite cinematografiche “normali” diventano un riempitivo nella massa di proposte. Serve sottolineare anche che la proliferazione delle modalità per fruire dell’oggetto audiovisivo ha contribuito all’allontanamento dello spettatore dalla sala cinematografica, quindi dell’avvenimento da vivere insieme. Questo è un argomento che già in tanti hanno trattato, che altera il significato del termine evento. Forse bisognerebbe fermarsi a pensare che le aspettative sono/devono essere diverse: se per noi è vitale vedere il nuovo lavoro di Malick, Spielberg, Bertolucci, per altri potrà esserlo il cinepanettone o One Direction: Where We Are, una varietà giusta di piaceri che però non riesce ad eguagliare e ad unire il pubblico come fecero per esempio Titanic o The Blair Witch Project. L’utopista e il convenzionale che è in me vede come una delle cause di questo la mancanza di una educazione al cinema, e più in generale all’immagine audiovisiva, che dovrebbe iniziare fin dalle scuole elementari. Non è una spocchiosa ideologia cinefila, ma potrebbe essere la soluzione alla poca dimestichezza e curiosità che il pubblico medio ha nei confronti della Settima Arte. Una seria formazione porterebbe l’utente a scegliere con cognizione di causa, chiaramente senza voler fabbricare con lo stampino solo “puristi” o far passare come imposta e quindi “noiosa” un’ulteriore materia di insegnamento. I gusti sono altro e non possono essere dettati da nessuno, ma crescono con la conoscenza. Apprezzabile sarebbe poter far rischiare chiunque di innamorarsi, senza pregiudizi, sia del classico blockbuster sia del film d’essai. Poi leggi gli incassi dell’ultima settimana in Italia e ti stupisci di vedere al secondo posto con 1.107.606 euro Il giovane favoloso e tutto cambia. “Gli italiani forse sono migliori del cinema che gli si offre” dice il produttore Carlo Degli Esposti… ma allora l’evento esiste ancora! Ed è questo il bello del cinema: riesce tuttora a colpire riuscendo a smentire ogni parola scritta in questo editoriale. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly