adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Tar

mercoledì 29 Ottobre, 2014 | di Vincenzo Palermo
Tar
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Alla Ricerca del tempo perduto”
Dodici registi esordienti intessono, sui versi lunghi del poeta americano Charlie K. Williams, quadri narrativi che evocano il tempo e la persistenza della “meravigliosa memoria”. Se non bastassero i riferimenti più ovvi, dalla voce over del protagonista che accompagna i segmenti pittorici intrisi di misticismo, all’eleganza di volti e dettagli, ci pensa l’apparizione eterea di Jessica Chastain a fugare ogni dubbio.

The Tree of Life di Terrence Malick è il coté visivo su cui si plasma la dimensione onirica del tempo e dell’amore concepita dai dodici apprendisti della New York University. Tar unisce la vocazione autobiografica di un itinerario poetico alla confessione intima di un artista, Williams, il cui cuore è messo a nudo, spogliato di ricordi e nostalgie lontane. Il progetto, fortemente voluto da James Franco,mediacritica_tar si inserisce nelle rivisitazioni letterarie che hanno impegnato in questi anni l’attore che, dopo aver adattato per il grande schermo ben due romanzi di William Faulkner, ci riproverà col cantore indie-pulp Chuck Palahniuk. Mentre scorrono le tracce della vita del poeta, istantanee diluite tra il presente del vecchio Williams, il recente trascorso del giovane poeta innamorato di Grace e il passato remoto che mescola ricordi di infanzia e di adolescenza, noi spettatori ci chiediamo cosa sia la memoria, con licenza (poetica) parlando. Progressioni, colori, sdoppiamenti: stupore del “puer” duplicato attraverso un ciclico stream of consciousness. Nel cortocircuito temporale della percezione, il nero corvino dei capelli di Grace (Mila Kunis) si confonde col biondo della bambina di cui Charlie era invaghito da piccolo; le lenzuola su cui sono adagiati i due amanti nel presente, lasciano il posto agli steli erbosi nell’eden incontaminato della sua giovinezza. E il poeta sente ancora la stessa brezza accarezzarlo, le stesse labbra sfiorarlo, quelle materne, perché ogni fermo immagine esiste in quanto sensazione replicata (dal ricordo) di una sempre rinnovata estasi infantile. Les madeleines proustiane sono le parole fuori campo che animano fantasmagorie lontane ravvivate dai toni caldi della fotografia, dal sensuale movimento della macchina da presa che offre uno sguardo omogeneo e coerente, nonostante la regia sia corale e non restituisca che schegge d’esistenza. Percezioni, suoni, odori e immagini diventano “espansioni al di là degli umani confini”, come les correspondances baudelairiane. Giochi di luce e rifrangenze, riflessi in cui compaiono le labbra della madre di Charlie, poi le sue, e un nome che risuona vuoto: “daddy”. Un caleidoscopio colmo di fascino, a tratti ridondante, che si interroga sul concetto di perdita (dei tanti amori del poeta) e recupero (attraverso i sobbalzi della memoria). Magnetico.

Tar [Id., USA 2012] REGIA Edna Luise Biesold, Sarah-Violet Bliss, Bruce Thierry Cheung, Gabrielle Demeestere, Alexis Gambis, Brooke Goldfinch, Shripriya Mahesh, Pamela Romanowski, Tine Thomasen, Virginia Urreiztieta, Omar Zúñiga Hidalgo.
CAST James Franco, Mila Kunis, Jessica Chastain, Zach Braff, Henry Hopper.
SCENEGGIATURA Edna Luise Bisold, Sarah-Violet Bliss, Gabrielle Demeestere, Alexis Gambis, Shruti Ganguly, Brooke Goldfinch, Shripriya Mahesh, Pamela Romanowski, Bruce Thierry Cheung, Tine Thomasen, Virginia Urreiztieta, Omar Zúñiga Hidalgo. FOTOGRAFIA Pedro Gomez Millan, Bruce Thierry Cheung. MUSICHE Garth Neustadter, Daniel Wohl.
Drammatico, durata 72 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly