adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il cineamatore (1979)

domenica 2 Novembre, 2014 | di Francesco Grieco
Il cineamatore (1979)
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

VII Archivio Aperto, 17 ottobre-29 novembre 2014, Bologna

“Non siamo ingegneri di anime che possono cambiare il mondo”
Filip e Irka sembrano una coppia felice, hanno appena avuto una bimba. Ma poi la cinepresa Quartz diventa l’unico interesse dell’uomo, dipendente di una fabbrica di Wielice, in Polonia. Il matrimonio va a rotoli, Filip coltiva sogni di gloria come filmmaker. Sullo sfondo, un Paese a metà fra tradizione e progresso.

Interpretato da un grande Jerzy Stuhr e poco visto in Italia, il ritmato Amator è tra le prime opere di finzione di Kieslowski e ne mette in luce già la sottile vena umoristica (quella di alcuni episodi del Decalogo, per intenderci),mediacritica_il_cineamatore pur essendo lontano dallo splendore figurativo dei più celebri film successivi. Una cinepresa molto mobile segue i personaggi e il loro comportamento a volte grottesco – Filip che bacia in bocca l’amico dalla gioia, il suo singhiozzo ricorrente, il conoscente cinefilo un po’ pazzo, l’esercitazione con le maschere antigas –, li inchioda in grigie inquadrature ravvicinate simili a quelle di tanti home movies. Non è un film corale: Filip e la sua cinepresa sono gli unici veri protagonisti, dal rapporto morboso, anche se meno inquietante rispetto al seminale L’occhio che uccide di Powell. Qui non si arriva all’omicidio, ma è la vita familiare a risentirne, accantonata in favore della passione totalizzante di Filip per le riprese. Inevitabilmente metacinematografico e cinefilo, ma ciononostante ben calato nella realtà sociale dell’epoca, Il cineamatore si sofferma sui piccoli gesti della vita quotidiana e mostra come il pallino del cinema possa cambiare la vita di una persona. Filip, oltre alla rivista Film, sfoglia anche un libro di cinema su cui intravediamo una pagina dedicata a Ken Loach, invita al suo cineclub Zanussi, che ha appena presentato Barwy ochronne, cerca, lo dice chiaramente, nel cinema – che è qualcosa di più di un semplice hobby per lui – una fuga dalla tranquilla routine. Ma probabilmente farebbe meglio a riflettere sulle parole di Osuch del comitato d’impresa: “Avevo un cognato che a 30 anni ha iniziato a credere in Dio, gli è andata male, è diventato prete”. Quella di Filip, infatti, è un’ossessione quasi religiosa e, come tutte le ossessioni, rischia di fargli perdere il contatto con la realtà e con se stesso. Per cui, se da un lato, come viene affermato da un giurato del concorso a cui Filip partecipa, un cineamatore può fare ciò che vuole, quindi è veramente un uomo libero, o, come afferma il vicino di casa Piotrek guardando le immagini della madre morta da poco, le persone continuano a vivere nei film, dall’altro lato per Filip le censure dei capi, i limiti politici imposti dall’alto alla rappresentazione della realtà costituiscono un serio problema. E se Osuch, “fatto fuori” a causa di Filip, gli consiglia comunque di continuare seguendo ciò che è giusto, nel finale ci chiediamo se la vita da filmmaker per Filip coinciderà con un destino di solitudine.

Il cineamatore [Amator, Polonia 1979] REGIA Krzysztof Kieslowski.
CAST Jerzy Stuhr, Malgorzata Zabrowska, Ewa Pokas, Stefan Czyzewski, Jerzy Nowak.
SCENEGGIATURA Krzysztof Kieslowski, Jerzy Stuhr. FOTOGRAFIA Andrzej Archacki, Krzysztof Buchowicz, Krzysztof Jachowicz, Jacek Petrycki, Stanislaw Szablowski. MUSICHE Krzysztof Knittel.
Commedia/Drammatico, durata 117 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly