adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I

sabato 22 Novembre, 2014 | di Martina Farci
Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Se noi bruciamo, voi bruciate con noi!”
La Ghiandaia Imitatrice è viva ed è tornata. Sopravissuta ai 75esimi Hunger Games è stata prelevata dalla resistenza e portata nel Distretto 13, dove i ribelli si preparano ad attaccare Capitol City e mettere fine alla dittatura del Presidente Snow. Peccato che quest’ultimo abbia prigioniero Peeta, e faccia di lui la sua arma migliore per spezzare definitivamente Katniss Everdeen, sempre di più il simbolo della rivoluzione.

L’attesa è finita: Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I è finalmente arrivato al cinema. Il penultimo capitolo della trilogia scritta da Suzanne Collins è stato diviso in due parti – come Harry Potter e i Doni della Morte e Breaking Dawn – e vedrà la sua conclusione solo nel novembre 2015. In questa prima parte viene rivelata tutta la potenza e l’intelligenza della sagamediacritica_hunger_games_il_canto_della_rivolta_parte_1 della Collins, dimostrando quanto si allontani dalle caratteristiche young adult per affermare il proprio messaggio politico. Abbandonata l’arena dei giochi, il centro della storia si trasferisce al Distretto 13, governato dalla Presidente Alma Coin – la new entry Julianne Moore – e supportata dallo stratega Plutarch, il compianto Philip Seymour Hoffman a cui è dedicata la pellicola. Il film, fedele al romanzo ad eccezion fatta del “reintegro” del personaggio di Effie Tricket – l’unica a portare una boccata d’ossigeno insieme ad Haymitch – riesce a trasmettere con convinzione i molteplici monologhi interiori che caratterizzano il libro. Merito soprattutto di una Jennifer Lawrence sempre convincente, i cui sguardi, tremolii e pianti sopperiscono ad un doppiaggio non adeguato. Lei, che per la prima volta canta anche sullo schermo un’emozionate The Hanging Tree, dà il volto ad una Katniss Everdeen ormai divenuta icona di una generazione, rappresentando una ragazza diciassettenne tormentata dagli incubi, dalle ingiustizie, dalla sofferenza. Una ragazza che non si preoccupa di mostrare la propria fragilità e che trova conforto in poche cose (la perla di Peeta) e persone (Gale, finalmente più presente sullo schermo), ma che deve apparire davanti alle telecamere forte e decisa per convincere gli abitanti dei distretti a portare avanti una guerra. Così Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I si discosta dai film precedenti: l’azione lascia il posto alla preparazione, alla riflessione su cosa sia giusto o sbagliato, alla differenza tra apparire ed essere. E ci si prepara ad una guerra che segnerà definitivamente i protagonisti. In fondo, quelli di prima erano solo giochi.

Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I [The Hunger Games: Mockingjay – Part 1, USA 2014] REGIA Francis Lawrence.
CAST Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Julianne Moore, Philip Seymour Hoffman.
SCENEGGIATURA Danny Strong, Peter Craig (tratta dal romanzo Il canto della rivolta di Suzanne Collins). FOTOGRAFIA Jo Willems. MUSICHE James Newton Howard.
Avventura/Fantascienza, durata 123 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly