adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Registe – Dialogando su una lametta

sabato 22 Novembre, 2014 | di Eleonora Degrassi
Registe – Dialogando su una lametta
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Elvira Notari e le altre…
La Donna è una miriade di tessere; difficile che tutte combacino perfettamente. C’è ancora uno sguardo paternalistico quando una donna sceglie di entrare in un mondo che nell’immaginario collettivo è maschile, una sorta di accettazione da parte del maschio nel suo club “fallocratico e fallocentrico”.

Quante registe ci sono oggi in Italia? Su 100 registi, solo 7 sono donne, situazione che si ripropone in molti altri ruoli di potere (12 su 100); con questo funereo incipit Diana Dell’Erba apre la sua opera prima, Registe – Dialogando su una lametta, in cui parla di questo e di molto altro, partendo dal ricordo di Elvira Notari/Maria de Medeiros, prima donna mediacritica_registeche ha svolto questo lavoro. Quella della giovane cineasta è una lettera aperta che racconta lo stato delle cose dall’inizio a oggi, un’intervista a critiche cinematografiche – unico uomo Gian Luigi Rondi, – e a registe che sono riuscite a realizzare il loro sogno. A metà tra finzione e documentario, Registe si snoda tra interviste, immagini di set e di film, per dar volto alla Regista – simbolo di altre situazioni lavorative e di chi è in grado di dirigere la propria vita – che conduce, costruisce, dà forma alle idee. Ma è chiaro che di base c’è l’annoso problema della differenza (uomo/donna): è difficile accettare una donna al comando. Prendendo in prestito una delle opere di Simone de Beauvoir questo sembra, o almeno risulta essere ancora in molti casi, Il secondo sesso ma anche L’eunuco femmina di Germaine Greer, perché queste donne hanno raggiunto ciò che volevano. Chi con dura rassegnazione e accettazione (Francesca Archibugi), chi con forza combattiva (Wilma Labate), chi con conoscenza “storica” (Giada Colagrande), chi sostenuta dal pubblico (Cinzia Th Torrini) e chi dal nome (Maria Sole Tognazzi e Francesca Comencini), tutte sono arrivate combattendo e producendo. È evidente, sottolinea Alina Marazzi, c’è una certa cecità nell’analisi dei loro percorsi artistici, dovuta alla scarsità in Italia dei women’s studies: le donne alla regia restano casi sporadici, interessanti, speciali esempi, non supportati però da uno studio sociale, culturale, di genere. La Dell’Erba sviluppa su pellicola l’idea che aveva realizzato nella sua tesi di laurea di stampo sociologico, facendosi strada nella vita di queste “sorelle”, scelte per sguardo e punto di vista, facendo così una radiografia di un mondo che resta prepotentemente “sessualizzato”, caratterizzato da peli, barba e pene. Emergono problemi che paradossalmente e drammaticamente erano presenti anche negli anni ’60, si parla ancora di fiducia, autorità e autorevolezza, cioè ha più credibilità un uomo che una donna. Registe è un buono spunto di analisi, che forse non affonda la lametta presente nel titolo, ma che esprime perfettamente la bellezza della differenza.

Registe – Dialogando su una lametta [Italia 2014] REGIA Diana Dell’Erba.
CAST Maria de Medeiros, Eugenio Allegri, Lina Wertmüller, Cecilia Mangini, Wilma Labate, Roberta Torre, Francesca Comencini, Francesca Archibugi, Cinzia Th Torrini, Giada Colagrande, Ilaria Borrelli, Antonietta de Lillo.
SCENEGGIATURA Diana Dell’Erba. FOTOGRAFIA Alvise Pasquali. MUSICHE Giulio Castagnoli.
Documentario, durata 76 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly