adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Babadook

sabato 29 Novembre, 2014 | di Edoardo Peretti
The Babadook
Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

32° Torino Film Festival, 21-29 novembre 2014, Torino

SPECIALE 32° TORINO FILM FESTIVAL
Controllate sotto il letto e aprite gli armadi
L’Horror non ha (forse) più bisogno di sdoganamenti critici e cinefili, ma rimane comunque evento raro vedere un film di paura selezionato per il concorso principale di un grande festival. Fa eccezione la 32° edizione del Festival di Torino, che ha scelto di presentare tra i quindici film del concorso internazionale The Babadook, dell’australiana Jennifer Kent, confermando così la vicinanza al genere della prima edizione ufficialmente targata Emanuela Martini, esplicita nella sezione After Hours.

The Babadook effettivamente merita di rappresentare il genere nella vetrina ufficiale di un festival, mostrandosi non solo solido, ma anche raggiungendo – nella parte centrale – livelli molto alti per costruzione della tensione, per la rappresentazione di una psicologia in rovina e mediacritica_the_babadook1soprattutto per una certa fondamentale ambiguità di fondo. Ed è un peccato quindi che Kent non abbia giocato benissimo le carte nella resa dei conti finale, dove il film un po’ si accartoccia sfumando gli elementi che avevano costituito il suo fascino fino a quel momento. Il mostro è Babadook, una sorta di uomo nero protagonista di un libro illustrato per bambini che piomba improvvisamente nella vita di una donna, vedova, e del suo bimbo ricco di fantasia e un po’ problematico. La filastrocca/maledizione contenuta nel libro sembra essere ben più concreta e reale di una macabra poesia per bambini, ma in realtà il film vive su una affascinante ambiguità: lo spettatore vive l’ora e mezza nel dubbio se effettivamente l’elemento soprannaturale e fantastico esiste, o se tutto è al contrario frutto della crescente pazzia e della deriva paranoica della madre protagonista (interpretata dalla superba Essie Davis). Questo rende The Babadook un film sotto certi aspetti polanskiano: come in Rosemary’s Baby e ne L’inquilino del terzo piano l’orrore nasce dalla follia e dalla paranoia, e il soprannaturale rimane un dubbio nella mente dello spettatore. Fondamentale nel creare questa inquietante ambiguità è l’abilità del regista nel mostrare il “giusto”, senza essere né troppo esplicito, né troppo avaro. Il gioco funziona alla grande fino al momento più difficile: il finale, dove Kent perde il controllo venendo meno alla linea stilistica e narrativa seguita fino a quel momento, iniziando a mostrare troppo in un improvvisa e mal gestita accelerazione che mina la compattezza dell’opera. L’ultimissima sequenza risistema un po’ le cose, ma rimane un peccato che la conclusione non sia stata gestita bene, perché The Babadook fino a quel momento aveva viaggiato su livelli molto alti, dando anche spunti per riflettere sulle cause di fatti di cronaca neanche tanto rari.

The Babadook [id., Australia 2014] REGIA Jennifer Kent.
CAST Essie Davis, Noah Wieseman, Daniel Henshall, Hayley McElhinney, Barbara West.
SCENEGGIATURA Jennifer Kent. FOTOGRAFIA Radek Ladczuk. MUSICHE Simon Njoo.
Horror, durata 93 minuti.

The Babadook
4.3 3 86.67%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly