adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

TFF 2014 – 32° Torino Film Festival

mercoledì 3 Dicembre, 2014 | di Edoardo Peretti
TFF 2014 – 32° Torino Film Festival
Festival
0
Facebooktwittermail

32° Torino Film Festival, 21-29 novembre 2014, Torino

Luci ed ombre
La trentaduesima edizione del Torino Film Festival, la prima ufficialmente targata Emanuela Martini, si è conclusa con il consueto e atteso successo di critica e di pubblico, con quest’ultimo non aiutato da una logistica all’altezza dell’offerta, e da un numero di sale e di posti inadeguato.

La mancanza di due sale rispetto agli scorsi anni si è fatta sentire, accentuando anche il ricorrente problema di chi acquista un abbonamento giornaliero o settimanale, che spesso rischia di restare fuori dalla sala schiacciato tra chi compra i biglietti singoli e la folla degli accreditati. Questi tentennamenti logistici e i disagi rischiano, ed è un peccato, di essere un’ombra su un festival, a livello di offerta cinematografica, sempre più sul pezzo, e che quest’anno, con i pieni poteri presi dalla direttrice, si è mostrato anche più coerente e meno caotico nelle linee guida rispetto alle ultime edizioni.mediacritica_32-torino-film-festival Rimane certo l’idea di voler dare uno sguardo a 360° sul mondo della settima arte, unendo “alto” e “basso”, ricerca e popolarità, con film per tutti i gusti e le attitudini. Allo stesso tempo, però, più evidente è stata l’idea di voler lavorare più palesemente sui generi e sulle loro varie e infinite declinazioni, e di mostrare approcci ai vari canoni non particolarmente conosciuti e diffusi nel nostro paese. Semplificando al massimo, potremmo dire che la tendenza più chiara ed evidente di questa edizione sia stata voler mostrare la possibilità di essere allo stesso tempo inseriti nelle regole di un genere e avere uno sguardo innovativo e anche autoriale: strada già accennata negli ultimi anni, ma che è apparsa più evidente e pregnante, decisamente meno confusionaria. Questo si è visto non solo nella scelta di inserire in concorso un horror a tutti gli effetti come The Babadook (Jennifer Kent), una commedia horror come What We Do in the Shadows (J. Clement e T. Waititi), una comedy indie europea come For Some Inexplicable Reason (Gabor Reisz) e un melò erotico come The Duke of Burgundy (Peter Strickland), ma soprattutto nelle sezioni collaterali Festa Mobile – dove si sono viste alcune delle opere più interessanti, come il racconto di formazione travestito da musical Whiplash (Damien Chazelle), il western crepuscolare The Homesman (Tommy Lee Jones) e la commedia dolceamara Infinitely Polar Bear (Maya Forbes) – e After Hours, sezione in cui i film dialogavano tra loro esprimendo in modo differente le stesse tematiche di partenza. Diventa allora più significativa anche la scelta di dedicare la retrospettiva alla New Hollywood, stagione in cui, forse più che in ogni altra, i generi sono stati messi alla prova, rivoltati e rinnovati. Un festival, quindi, quest’anno dall’impronta più personale e definita, più facilmente collocabile. Ed è un peccato, quindi, l’altra faccia della medaglia: la logistica non proporzionata all’offerta, ma anche la sensazione che la manifestazione non sia radicata nella città come potrebbe e ne sfrutti solo in parte le potenzialità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly