adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il gusto degli altri

sabato 6 Dicembre, 2014 | di Roy Menarini
Il gusto degli altri
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Ci siamo. Come ogni anno comincia l’impagabile sport delle classifiche di fine anno. È innegabilmente bello, divertente, coinvolge molte persone e si fa amare da altrettante. Anche Mediacritica lo fa, e sarà molto curioso scoprirne liste e gusti. Intanto, però, stanno uscendo le top ten più attese, che nella cinefilia un po’ tradizionale (di carta, diciamo) significa Cahiers du Cinéma e Sight and Sound.

Ci interessa poco, qui, discutere pregi e difetti. Secondo alcuni, infatti, entrambe le riviste sembrano un po’ addormentate e le loro scelte sarebbero piuttosto prevedibili. Vero o meno che sia, non pare affatto che siano in sintonia con il gusto italiano – definiamo gusto, in questo caso, gli addensamenti di interesse critico nei confronti di certi film. Per esempio, Adieu au langage, qui da noi recepito per lo più come estrosa mattana del vecchio maestro e difeso solo dalla cinefilia radicale, è medaglia d’argento in entrambi gli schieramenti. Mediacritica-ilgustodeglialtriCome a dire, è Godard, ma non un Godard qualunque: un Godard testamentario, che mette in gioco la tecnica e l’estetica, che usa la filosofia per dirci qualcosa di misterioso, un Godard che se non è l’ultimo potrebbe però esserlo.
Fin qui, tuttavia, siamo nel regno delle sfumature. Sorprende invece Under the Skin di Jonathan Glazer, al terzo e quinto posto delle due classifiche. Se c’è un film ignorato, a Venezia 2013 e alla sua malinconia uscita in sala dell’anno successivo, era proprio questo. Non che tutti lo abbiano disprezzato, anzi. Ma ben pochi sono stati disposti a considerarlo uno dei film di riferimento di quest’anno. Piuttosto sorpreso, mi sono andato a vedere il riassunto critico che ne dà Rotten Tomatoes, dopo aver spogliato centinaia di recensioni internazionali. Cito in inglese: “With absorbing imagery and a mesmerizing performance from Scarlett Johansson, Under the Skin is a haunting viewing experience”.
Francia e Gran Bretagna, poi, sono completamente divise per quanto riguarda il vincitore. Secondo i Cahiers, nulla supera Bruno Dumont e il suo Li’l Quinquin, visto anche a Torino 2014, ibridazione tra cinema e serialità. Mentre Sight and Sound mette al primo posto Boyhood. I due film non compaiono affatto nelle top ten reciproche, segno probabilmente anche delle logiche distributive. È comunque curioso, perché su Allo Cine (corrispettivo di Rotten in Francia), Linklater gode di recensioni entusiaste e, sui Cahiers, Nicholas Elliott aveva scritto (cito in francese): “Aussi documentaire qu’expérimental, Boyhood dépasse brillamment ce dispositif par le récit, ne sacrifiant pas le plaisir au concept, liant cette séduction à notre expérience vécue. L’effet envoûtant peut paraître paradoxal tant Boyhood dégage une impression de calme ».
Inutile insistere. Diciamo che – per quanto ludiche – le classifiche di fine anno fanno emergere caratteri identitari nazionali, logiche di gruppo, startegie di lotta cinefila, «territorial pissings» e altri comportamenti non sempre trasparenti, pur tuttavia parte anch’essi della storia delle ricezioni critiche, sempre diversa da cultura a cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly