adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il fischio al naso (1967)

sabato 10 Gennaio, 2015 | di Eleonora Degrassi
Il fischio al naso (1967)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE ATTORI DIETRO LA CINEPRESA
“Non si muore che in un momento di distrazione”
Ugo Tognazzi è l’uomo di La voglia matta, il Conte Mascetti della Supercazzola, il fuco con L’ape regina, il carnefice de La donna scimmia. È malinconico e terrigno, sagace e struggente, scorretto, erotomane impenitente e tombeur de femmes.

Se Sordi ha indossato l’“eroica mediocrità”, Gassman il fascino guascone, Manfredi la timidezza succube, Ugo Tognazzi incarna la maschera grottesca con la sua ironia sofferta e cattiva, sadica e sofferente. Alcuni dei ruoli più scomodi e fastidiosi della commedia all’italiana sono proprio suoi; le risate, i drammi, le mostruosità di Tognazzi hanno raccontato non solo mediacritica_il_fischio_al_naso_1l’Italia, ma anche La tragedia di un uomo ridicolo, citando Bernardo Bertolucci. Ne Il fischio al naso (tratto dal racconto Sette piani di Dino Buzzati, diventato pièce nel 1953 con lo spettacolo Un caso clinico) Tognazzi è regista e protagonista, premiato per la sua interpretazione (Grolla d’Oro): il personaggio di Giuseppe Inzerna rientra in quell’album di uomini dall’ego gigantesco, tronfi del proprio potere, borghesi piccoli piccoli che si credono grandi grandi. Industriale ricco, all’apice del successo, ha un solo difetto, un fischio al naso. Entra in una clinica di lusso, la Salus Bank, per accertamenti, diversa da quella de Il medico della mutua (Zampa, 1968), rappresentazione del “dis – agio” e di una errata etica del lavoro. Convinto di essere libero, anche in virtù del suo potere, non si rende conto di essere in trappola. “Non si muore che in un momento di distrazione”, e Inzerna si distrae, un po’ a causa di se stesso, un po’ a causa delle donne. Giuseppe varca la soglia dell’“industria della malattia” da sano, poi le analisi, le terapie si susseguono, e il suo corpo si ammala veramente. Sale di piano in un’ascesa verso il nulla, la morte, e il morbus lo invade. La sua permanenza, spostato di piano in piano, si fa più difficile, medici meno competenti, infermiere meno avvenenti. La musica cambia, scende il buio in questo castello kafkiano, l’ansia monta e manca l’aria. Il Tognazzi attore modula vizi e manie che gli sono propri: piccolo industriale ad ogni passo celebra il “produrre, consumare, gettare via”, bugiardo per natura in una società che gli regge il gioco, figlio/marito/padre di una nuova famiglia, non più quella di granito, ma “libera” e amorale. Tognazzi giganteggia in questo film – critica del mondo borghese “dis-animato” e materialista – sulla società contemporanea, del consumo a tutti costi, qui applicato alla scienza (“oggi tocca a me, domani tocca a te” dimostra una catena di montaggio anche nella morte), il paziente è solo un numero. Sette piani di Buzzati acquista una luce funerea e cupa grazie a Tognazzi e a Rafael Azcona, sceneggiatore di molti lavori di Marco Ferreri (il dottor Salamoia). Il fischio al naso è un film poco conosciuto che dimostra le capacità interpretative di un attore che rilegge in maniera intelligente un racconto di un grande autore della letteratura.

Il fischio al naso [Italia 1967] REGIA Ugo Tognazzi.
CAST Ugo Tognazzi, Franca Bettoja, Marco Ferreri, Tina Louise, Olga Villi, Riccardo Garrone.
SCENEGGIATURA Alfredo Pigna, Giulio Scarnicci, Renzo Tarabusi, Ugo Tognazzi, Rafael Azcona. FOTOGRAFIA Enzo Serafin. MUSICHE Teo Usuelli, Le Pecore Nere.
Commedia, durata 108 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly