adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

“La danza è l’incontro di un essere con gli altri”

sabato 7 Febbraio, 2015 | di Sara Martin
“La danza è l’incontro di un essere con gli altri”
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Fra qualche settimana – il 26 febbraio per l’esattezza – uscirà nelle sale italiane il bellissimo documentario di Ivan Gergolet Dancing With Maria, frutto della coraggiosa produzione di Igor Princic (Transmedia) già premiato con il successo di Zoran il mio nipote scemo di Matteo Oleotto.

La storia è quella di una delle maestre di danza più amate e conosciute del mondo, Maria Fux, inventrice della danzaterapia. Oggi Maria ha novantatre anni e insegna ancora a danzare nel suo studio di Buenos Aires;mediacritica_dancing_with_maria il suo insegnamento non passa attraverso l’ascolto della musica, però, ma attraverso l’ascolto del proprio corpo: il battito del cuore, il rumore del respiro.
Ivan Gergolet ci fa conoscere diversi personaggi che frequentano lo studio di Maria e i suoi seminari: Diana (che cammina con le stampelle da tutta la vita), Martina (che arriva dall’Italia), i due giovani ragazzi down Marcos e Macarena, Maria Garrido (l’india mapuche a cui Maria Fux ha insegnato a “camminare nel mondo”). E, soprattutto, ci fa conoscere Maria che è capace di trovare una forza misteriosa e intima in grado di farla ancora danzare nonostante i limiti della sua età. Nella “scuola” di Maria non si imparano le coreografie, si impara a “vedere” e a “toccare” la musica. Si danza per stare bene con il proprio corpo e con la propria anima. Gergolet sceglie di non percorrere la biografia della danzatrice, il suo lavoro è quanto di più lontano da un biopic. Il regista si interessa invece a quello che è Maria ora, al rapporto che instaura con i suoi allievi e con il loro corpo nello studio di danza che la ospita da una vita intera.
Il film è stato il primo documentario della storia nella sezione “La settimana della Critica” a Venezia 71 ed è stato accolto con ovazione e lunghi applausi alla fine della proiezione. Anche se in alcuni tratti forse ci si poteva aspettare un ritmo più musicale, più in sintonia con il personaggio vivace e colorato di Maria, la riflessione sul rapporto tra corpo e anima che emerge dalla ripresa attenta e delicata di Gergolet attrae con una sorta di magnetismo anche lo spettatore che limita alla nostra Carla Fracci e forse a Pina Bauch (grazie a Wenders) la sua conoscenza dell’arte della danza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly