adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Cotton Club (1984)

sabato 14 Febbraio, 2015 | di Massimo Padoin
Cotton Club (1984)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE JAZZ AL CINEMA
Storia di un immaginario
Paillettes e insegne luminose, così ci si immagina i roaring twenties, e invece Coppola esordisce con una bottiglia infrantasi sull’asfalto ricco di pozzanghere. Perché non esiste solo quell’immaginario come non esiste solo una finta rigida divisione tra bianchi e neri e come, allo stesso modo, non esiste divisione tra palco e platea.

Cotton Club è una pellicola che si apparenta a Un sogno lungo un giorno più della sua natura ibridata al musical, ma, seppur meno radicalmente, perché è un’opera che racconta di soglie mobili e permeabili tra vita e spettacolo. Così erano le quinte scenografiche del grande teatro creato da Coppola e la Zoetrope per Un sogno lungo un giorno:mediacritica_cotton_club1a pareti mobili e semitrasparenti che fluidificavano il passaggio tra sogno e realtà, ma che diventano paragonabili teoricamente alle soglie che non delimitano il Cotton Club; lo spettacolo non si ferma al limitare di quel palco sopra il quale si esibiva Cab Calloway, ma si espande ai tavolini che tutt’attorno lo circondavano, tra Charlie Chaplin, Gloria Swanson, James Cagney. E non c’è da sorprendersi allora se troviamo anche Richard Gere e Diane Lane, che poco c’entrano con le celebrità di quell’epoca ma servono ad animare lo spettacolo filmico, perché in fondo la vicenda che vive in Cotton Club s’intreccia indissolubilmente con l’immaginario collettivo, animato da una platea che a tratti è anche più spettacolare del palco stesso. Sparatorie, amori impossibili e jazz quasi fossero singoli ingredienti da mescolare; ma più semplicemente gli uni portano appresso gli altri: ne è esempio il Dixie Dwiter di Richard Gere, diventato una star hollywoodiana interpretando la parte del gangster, ma che candidamente afferma di aver ripreso lo stile dell’Olandese, vero gangster cui casualmente era finito per fare il tirapiedi. Spettacolo e vita reale si confondono una volta di più, anche quando questo scambio non è richiesto. Dixie non ha aspirazioni a finire sul grande schermo ma piuttosto quella di suonare con i più grandi del jazz se non fosse per il colore della sua pelle. Una delle grandi contraddizioni del Cotton Club: i neri per lungo tempo esclusi dall’essere clienti del locale vi posso accedere solo per diventare star uniche sul palcoscenico, spazio sul quale invece è quasi del tutto precluso l’accesso ai bianchi. E tutto ciò quando tutt’attorno le pareti del locale stanno lì a ricordare l’umiliazione e la sofferenza che il popolo di colore ha dovuto sopportare, con raffigurazioni dei raccoglitori di cotone. Contraddizioni e assenza di reali soglie, su questo Coppola decide di raccontare un tempo che è un’immaginario nato prima di tutto dalla spettacolarizzazione di se stesso, tra vita in scena, faide di gangsters, intrighi amorosi e musica jazz, in cui tutto s’intreccia senza conoscerne i limiti. E dentro cui, del resto, perfino i passi di tip tap diventano linguaggio necessario per scandire il ritmo di una sparatoria.

Cotton Club [Id., USA 1984] REGIA Francis Ford Coppola.
CAST Richard Gere, Diane Lane, Bob Hoskins, James Remar.
SCENEGGIATURA Francis Ford Coppola, William Kennedy, Mario Puzo. FOTOGRAFIA Stephen Goldblatt. MUSICHE John Barry.
Drammatico/Musical, durata 124 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly