adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Strade perdute (1997)

sabato 14 Febbraio, 2015 | di Vincenzo Palermo
Strade perdute (1997)
Film History
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE JAZZ AL CINEMA
Labirinti sinestetici
Nero come il fondo stradale che scorre, velocizzato, sui titoli di testa; “noir” come il genere, decostruito e rovesciato, scelto per raccontare la dissociazione panica di un uomo ossessionato dalla gelosia per una “donna che visse due volte”.

Sotto il “velluto” niente, e neanche dietro il sipario rosso fuoco, o nel fumo che avvolge Diane nell’ultimo atto di Mulholland Drive e che, in Strade perdute, insieme agli improvvisi lampi della fotografia, diventa escamotage per (de)costruire i codici narrativi della storia e amplificare lo slittamento dal sogno al delirio psicogeno.mediacritica_strade_perdute1a Il niente o il tutto, perché il tutto è solo nella mente. Prima di attraversare, come Fred, il protagonista del settimo film di Lynch, il corridoio in penombra che lo proietta verso un (possibile) uxoricidio, lo spettatore-voyeur deve sperimentare lo scontro kafkiano con una realtà insondabile in una teatralizzazione di interni. Dopo il leitmotiv di I’m Deranged, che apre e chiude il film, compare il volto del sassofonista Fred (Bill Pullman), rischiarato dalla luce della lampada. La vita con Renee (Patricia Arquette) è presto sconvolta da una serie di filmati che “spiano” la loro intimità mettendo a fuoco l’omicidio della moglie da parte dello stesso marito. In carcere Fred scompare e al suo posto si materializza Pete che, uscito di prigione si scontra con un gangster per il possesso di Alice, la stessa Renee in versione bionda. Da Velluto blu a Inland Empire, il nastro di Möbius scorre inesorabile, scomponendo la realtà in un flusso sensoriale che disconnette il vissuto dalla sua dimensione cognitiva. Come una lanterna magica, il cinema di Lynch è canalizzato in un gioco di fughe es(s)oteriche che smantellano l’evidenza fisica per condurci nella dimensione privata di un’allucinazione condivisa. Fin da Six Men Getting Sick, corto girato in 16 mm del 1967, anche il tessuto sonoro, in sinergia con l’elemento visivo e scenografico, ha creato fusioni di luci, colori e suoni – in questo caso partiture jazz che, pirandellianamente, svegliano la coscienza sopita del doppio. Nel labirinto sinestetico dell’ “uomo che amava le donne” il desiderio sessuale incarnato nella statuaria Renee/Alice si fa eidos, torna carne pulsante e fluttua nelle riprese erotiche in una camera oscura, mentre Fred/Pete, nelle sue trasformazioni corporee, abita l’incubo della gelosia e l’impossibilità del possesso. Tra il dramma da camera della prima parte (in cui l’occhio cinefilo è rivolto al Bergman della “crisi coniugale”) e una seconda metà in cui il thriller prende il sopravvento, la “non-indagine” di Lynch scardina la narrazione ordinaria perdendosi nei meandri dell’inconscio. Alla fine, ciò che attende lo spettatore ipnotizzato e affamato di “senso” è lo sprofondare nell’ennesima, stupefacente “Loggia nera”, contenitore psichico che (r)accoglie frammenti di sogno e brandelli d’incubo.

Strade perdute [Lost Highway, USA 1997] REGIA David Lynch.
CAST Bill Pullman, Patricia Arquette, Balthazar Getty, Robert Blake, Robert Loggia.
SCENEGGIATURA David Lynch, Barry Gifford. FOTOGRAFIA Peter Deming. MUSICHE Angelo Badalamenti.
Thriller, durata 134 minuti.

3 Comments

  1. Luca says:

    Imprescindibile. Forse uno dei migliori film di David Lynch!

  2. Kim says:

    grande film, che mette le basi concettuali per quell’altro filmone che è Mulholland Drive. e che colonna sonora!

  3. Cate says:

    Davvero interessante questa lettura del film. Bravi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly