adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il cielo sopra Berlino (1987)

sabato 21 Febbraio, 2015 | di Vincenzo Palermo
Il cielo sopra Berlino (1987)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE WIM WENDERS
“Quando il bambino era bambino…”
L’insostenibile leggerezza dell’essere (un angelo) e la crudele pesantezza dell’uomo. In una Berlino attraversata dal muro della discordia, Wenders compone una liturgia di immagini evocative e meditazioni monologanti, attraverso le intermittenze coloristiche in un bianco e nero tonalità seppia.

Mantenendosi fedele alla cultura nomade e all’America dei generi (noir e poliziesco), Wenders, che da Prima del calcio di rigore (1971) a Hammett. Indagine a Chinatown (1982) ha creato un “Falso movimento” all’interno della sua poetica vagabonda – il viaggio come sola ricerca di spazi al di fuori di se, deprivato del suo statuto ontologico – con mediacritica-il-cielo-sopra-berlinoParis, Texas inaugura una nuova fase, altamente americanizzata ma dalla forte connotazione stilistica europea. Il cielo sopra Berlino si colloca a tre anni di distanza dal film con Natassja Kinski e la sua cifra stilistica, racconto solido e struttura lineare, rappresenta l’ingresso del regista tedesco in un cinema di respiro mistico e dal taglio manierista, rivolto, come un requiem, all’Europa ferita dai traumi del passato. Due angeli “caduti”, anziché vegliare sui loro protetti, monitorano la realtà berlinese e vivono senza sentire niente, invisibili a tutti tranne che ai bambini. Uno dei due, Damiel (Bruno Ganz), rinuncia all’immortalità scegliendo di sperimentare la finitezza terrena. Gli incontri con una trapezista di un circo affamata d’amore e con un attore (Peter Falk nei panni di se stesso) sul set di un film sul Nazismo, lo convinceranno a farsi uomo. Con autenticità genuina e senza patetismi, Il cielo sopra Berlino trasferisce l’armonia domestica vagheggiata dai personaggi di Ozu in un “volere per l’altro” universale che schiude percorsi di conoscenza di se e dei propri simili, ancorandosi al cinema di ricerca in cui ciò che conta è il visibile dell’esperienza. La storia, scandita dai lampi in technicolor e dalle ricorrenze poetiche dei versi di Peter Handke, è osservata empaticamente dalla macchina da presa che svetta, come figura alata, sui simboli cittadini, sulla spianata deserta che, prima della Seconda Guerra mondiale, accoglieva la grandeur della Postdamer Platz, sui “fanciulli che trovano il tutto nel nulla e sugli adulti che trovano il nulla nel tutto”. Come “giganti sulle spalle dei nani”, gli angeli si fanno carne e assaporano il sangue, in un quieto vagare nella Berlino decadente di cui il regista restituisce lo zetgeist velato di malinconia, spazio-tempo fisico ed emozionale catturato da suggestive riprese aeree e carrelli avvolgenti. Chiamati in causa nel finale, i tre maestri di Wenders, Ozu, Truffaut e Tarkovskij fungono da numi tutelari cui affidare il lascito di un’opera a cavallo tra classico e moderno, in cui il racconto di formazione on the road si muta in poema neoromantico nel crocevia culturale della Berlino anni 80. Premio per la miglior regia a Cannes nel 1987.

Il cielo sopra Berlino [Der Himmel über Berlin, Germania 1987] REGIA Wim Wenders.
CAST Bruno Ganz, Peter Falk, Solveig Dommartin, Otto Sander, Didier Flamand.
SCENEGGIATURA Wim Wenders, Peter Handke, Richard Reitinger. FOTOGRAFIA Henry Alekan. MUSICHE Jürgen Knieper.
Fantastico, durata 130 minuti.

Il cielo sopra Berlino (1987)
3.8 17 75.29%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly