adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Servizio Pubblico

sabato 28 Febbraio, 2015 | di Roy Menarini
Servizio Pubblico
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Che cosa è il servizio pubblico? Una domanda che dovrebbero porsi tutti quelli che si occupano di audiovisivo al di fuori delle ideologie o delle polemiche di parte. Se ne sta riparlando in questi giorni e il governo Renzi ha fatto sapere di voler rimettere mano una volta per tutte alla governance della RAI. Ma è tutto come prima? Oppure no?

Fino a qualche anno fa era di moda vantarsi di non pagare il canone. “Che lo pago a fare?”, si sentiva dire alle cene, “devo finanziare di tasca mia i talent scopiazzati da Mediaset?”. Ovviamente, per chi faceva disobbedienza civile era difficile pensarla come elusione fiscale, cosa che effettivamente è, ma era altrettanto difficile per gli oppositori trovare strumenti per difendere mamma RAI. Oggi l’elusione dell’abbonamento è probabilmente la stessa di allora, ma è più difficile generalizzare. E tutto questo per la semplice ragione che esiste il digitale terrestre. Ciò che prima aveva a che fare con tre canali lottizzati, con prime serate da brividi, fiction da conato, e il contorno di qualche talk show, ora è molto più ampio e differenziato. mediacritica-editorialeNon serve rimpiangere come un mantra la Rai Tre di Guglielmi, i profili delle reti RAI sono assai interessanti. E se le tre ammiraglie sembrano continuare stancamente nei propri riti, è dentro la programmazione di cinema e TV di RAI 4, o (finalmente) nel teatro e musica tanto evocati e ora presenti su RAI 5, o ancora nella solida programmazione di RAI Movie e RAI Storia, persino nella copertura di sport minori di RAI Sport, che troviamo le ragioni del servizio pubblico. Quella dimensione pedagogica che, nella natura stessa della televisione di Stato, deve oggi dotarsi di intelligenza e capacità di innovare, spiazzare e proporre: qualcosa, insomma, a metà tra una linea editoriale aggiornata ai tempi (alla Freccero, per intenderci) e una vocazione culturale che archivia e mostra le nostre eccellenze; qualcosa che mette insieme le serie americane in prima visione free e la manifestazione lirica di provincia. Difendere le nicchie e proteggere dal prevalente senza rinunciare alla letteratura televisiva di qualità, o – se lo si crede – allo sperimentalismo di massa. Si può, tuttavia, eccepire: “Ma chi li guarda quei canali?”. Giustissimo. Dove stanno tutti quelli che all’epoca del duopolio lamentavano l’assenza di cultura sulle reti pubbliche e criticavano la scomparsa del cinema in prima serata come se ne andasse della loro vita? Fanno troppa fatica a digitare due numeri sul telecomando invece che uno solo? Non riescono a resistere alle sirene di The Voice of Italy? Ancora: “Sì ma che differenza c’è tra una rete privata come La Effe e una pagata da noi della RAI?”. Una delle differenze sta nel pacchetto di canali che la RAI offre, cercando di coprire tutti i generi palinsestuali e, appunto, garantendo la visibilità minima a oggetti culturali che altri, tra cui La Effe, non mostrerebbero. Un’altra è nella promessa di non fallibilità: se il mercato esclude il canale che amiamo, è finita. Con la RAI, il concetto di pubblico dovrebbe garantirne la prosecuzione. Ora, è ovvio che il canone da solo non regge l’intera piattaforma di reti RAI. Modesta proposta: e se vendessimo due delle tre reti maggiori e ci tenessimo le piccole RAI digitali di contorno? Ovviamente nessuno parla delle reti RAI minori in questi giorni, e tutti urlano la propria opinione sul servizio pubblico con discorsi buoni per i primi anni Duemila. Per un dibattito politico che inneggia sempre al nuovo che avanza non un bello spettacolo. E comunque, il telecomando è lì. Dipende da noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly