adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Master (2012)

sabato 28 Febbraio, 2015 | di Massimo Padoin
The Master (2012)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE PAUL THOMAS ANDERSON
Il senso ultimo delle cose
Vidi per la prima volta The Master al Festival del Cinema di Venezia: alla fine della proiezione compresi poco di ciò che avevo appena visto, le immagini filmate da Paul Thomas Anderson avevano una potenza magnetica che mi portai dietro a lungo, come la narrazione dal ritmo ipnotico e la sinuosa colonna sonora di Jonny Greenwood. Tutto questo di The Master mi avvolse, ma il senso rimaneva inafferrabile, quasi quanto la scia di una barca lungo il mare.

Riuscii a cogliere solo dei frammenti senza però trovare un trait d’union interpretativo che sciogliesse il mio cul de sac, ma a oggi, dopo averlo rivisto diverse volte, rimango ancora più convinto di come quelle prime sensazioni fossero esatte. The Master è quasi come una seduta d’ipnosi da coscienti, in cui il nostro analista è un uomo che, dall’alto delle sue convinzioni, ci ripete costantemente di non guardare il dito ma la luna, per scoprire solo successivamente che la luna non c’è, o che forse è solo una proiezione di ciò che vorremmo vedere.mediacritica_the master2 Sostanzialmente non siamo più in grado di distinguere l’immaginazione e la realtà dal nostro condizionamento. Come i seguaci della Causa, seguiamo le parole e i racconti del Master Lancaster Dodd, lezioni di vita che al primo sguardo sembrano inconcludenti ma in realtà vogliono celare un senso più grande; ma è vero? Per questo il nostro punto di vista spettatoriale non può che coincidere con quello di Freddie, un animale continuamente alla ricerca della perdita di coscienza attraverso intrugli alcolici: egli segue le parole del maestro-padrone tra divertito distacco e appassionata incoscienza, nell’attesa di una conclusione esplicativa o un appiglio significativo che dia un senso alla sua incondizionata fedeltà. Freddie vive nella costante di un’indecisione tra l’andarsene e il tornare, se rimanere nella cieca fedeltà o mettere in discussione l’ordine precostruito, perché in fondo, tra tutti, è l’unico a poter aspirare a una libertà esistenziale, e perché inconsapevole di quel che realmente essa sia. A differenza di tutti gli altri, Freddie non è schiavo della retorica sul vuoto o convinto dell’aspettativa sull’insignificabile che Lancaster offre, ma trova una figura che gli dona l’illusione di essere guidato attraverso insegnamenti, riceve una speranza di un senso. The Master non racconta solo di quell’America che, sorvolando il mare verso il nulla ma nel bel mezzo di una festa, ricerca sia guide che nemici da esaltare o combattere, come parti antagoniste interne alle stesse nevrosi, ma racconta di un sistema della ricezione umana che affannosamente si dibatte per giungere, trovare e pretendere un significato al tutto. Forse mai come il vuoto può esser in fondo pieno del tutto, perché nel vuoto si può ritrovare anche quello che non c’è, ed emulando – come allievi – questo nulla possiamo credere di riempire i nostri vuoti con delle convinzioni che non abbiamo (il dialogo tra Freddie e la donna del bar sul finale), ma in fondo rimarranno pur sempre delle mancanze, in cui solo i simulacri delle nostre necessità saranno in grado di anestetizzarci dalla vita, quasi come una donna di sabbia sul lungomare.

The Master [Id., USA 2012] REGIA Paul Thomas Anderson.
CAST Joaquin Phoenix, Philip Seymour Hoffman, Amy Adams, Laura Dern.
SCENEGGIATURA Paul Thomas Anderson. FOTOGRAFIA Mihai Malaimare Jr. MUSICHE Jonny Greenwood.
Drammatico, durata 144 minuti.

The Master (2012)
4.3 4 85%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly