adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

FilmForum 2015 – Incontro con Albert Serra

sabato 21 Marzo, 2015 | di Francesco Grieco
FilmForum 2015 – Incontro con Albert Serra
Festival
0
Facebooktwittermail

FilmForum 2015 – XXII International Film Studies Conference, 18-24 marzo 2015, Udine/Gorizia

Albert Serra, cavaliere della settima arte
Con solo un pugno di film alle spalle, lo spagnolo Albert Serra è diventato uno dei più celebrati tra quei pochi cineasti che credono ancora al cinema come arte. Durante questa edizione del FilmForum sono stati proiettate tre delle opere di Serra, Els noms de Crist, il corto Cuba Libre, ambientato in un cabaret degli anni Settanta a Kassel e dedicato al cantante e attore fassbinderiano Günther Kaufmann, e quell’Història de la meva mort che ha vinto il Festival di Locarno.

Serra ha poi incontrato il pubblico, sollecitato a parlare del suo cinema dalle domande di Vincenzo Estremo e Francesco Federici. Un cinema che si ispira spesso a fonti letterarie: prima di realizzare Història de la meva mort, Serra stava leggendo le memorie di Casanova, così, poiché gli avevano chiesto di fare un film su Dracula, ha deciso di far incontrare i due personaggi, con quel gusto dell’assurdo che ama molto e la fissità dei long take che caratterizzano il suo stile e lo mediacritica_filmforum_2015_albert_serraaccomunano ad altri punti di riferimento della cinefilia più oltranzista contemporanea, come il filippino Lav Diaz. “Contemplative cinema” o “slow cinema”, che dir si voglia, è un cinema che si interroga sull’esperienza del tempo e reinventa il pianosequenza come scelta registica ideale, per tradurre in immagini la durata, il flusso dell’esistente. In questo senso, girare in digitale assume un valore chiaro per registi come Serra: come, infatti, egli spiega, non ci sono più le continue interruzioni delle riprese in 35 mm, si può proseguire per ore senza fermarsi (per El cant dels ocells, Serra ha effettuato una ripresa di un’ora e quarantacinque minuti senza tagli). La realtà si offre allo sguardo dell’operatore senza aver bisogno di troppa luce. Non si deve essere necessariamente vicinissimi agli attori, ci si può muovere più facilmente, si pensa per scene, per concetti, non più per inquadrature. La grande dipendenza dai limiti della tecnica, secondo Serra, fa in modo che, nelle riprese in 35 mm, solo il dieci per cento del tempo sia dedicato alla creazione artistica. Il digitale, invece, permette ai registi più creativi di avere tutti i mezzi per creare senza difficoltà le immagini che desiderano e i film così realizzati, quindi, possono essere vere e proprie opere d’arte e gareggiare in intensità con le performance dell’arte contemporanea. Oltre alla letteratura, nei confronti della quale occorre avere una sorta di “amore senza rispetto” per fare buoni film, Serra dichiara di essere influenzato dall’avanguardia artistica del Novecento, in particolare per gli aspetti più giocosi del processo creativo, che però non dev’essere mai privo di tensione. Serra sostiene anche di essere decisamente più interessato agli aspetti visivi del cinema che a quelli narrativi e di procedere senza direzioni predefinite nella scrittura dei dialoghi. In fase di montaggio, egli giustappone le scene tra loro semplicemente scegliendo le riprese migliori, senza preoccuparsi troppo della relazione tra una scena e l’altra. Parte dagli attori per decidere di iniziare un film (così è stato per Honor de cavalleria), ma non dà loro molte indicazioni e non li ama affatto (sono persone spesso vanitose, dice, che ti danno nella vita privata solo momenti secondari rispetto a ciò che fanno, inconsapevolmente, recitando sul set). Ciò che conta per Serra è la sensibilità della mdp, la responsabilità del risultato, quindi, è tutta del regista. Astruc non è mai stato così vicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly