adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il corpo della Rete

sabato 21 Marzo, 2015 | di Mariangela Sansone
Il corpo della Rete
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Internet ed i social network disegnano spazi virtuali nei quali si trascorre (gran) parte della nostra esistenza, in un continuo dialogo tra effimero e reale. Tra le tante recenti opere cinematografiche dedicate, in senso ampio, all’informatica presente, passata (uno per tutti, The Imitation Game) e futuribile, riesce a spiccare per originalità di approccio Michael Mann, che nella sua ultima opera, Blackhat, riesce ad allestire una dimensione filmica-simbolica che fedelmente sintetizza il sincretismo spaziale della realtà e della quotidianità sociale dei nostri tempi.

L’obiettivo di Mann fonde l’iperrealismo alla fisicità eterea dell’informatica, presenza attiva nella società moderna, in un’osmosi costante, decodificando il virtuale attraverso il reale. “Luoghi e nonluoghi si incastrano, si compenetrano reciprocamente, la possibilità del nonluogo non è mai assente da un qualsiasi luogo” (Marc Augè, Nonluoghi, Introduzione a una antropologia della surmodernità). Connessioni, microchips e social-network assumono forma in Blackhat mediacritica_il_corpo_della_reteattraverso la costruzione di nuovi spazi e di nuovi tempi, i non luoghi e le realtà virtuali si vestono di forme reali e danno vita ad un continuum inestricabile tra realismo estremo e pura immaginazione. I Luoghi ed i Non Luoghi si alternano e si confondono; gli scenari urbani si muovono sullo stesso piano degli ambienti virtuali, si fondono in un unicum, un corpo in movimento che si specchia nel suo riflesso, per poi riunirsi in uno stesso organo, vivo e pulsante.
La zona portuale che ospita il classico conflitto a fuoco tra buoni e cattivi ricorda gli spazi videoludici dell’Avalon di Oshii Mamoru, mentre le architetture informatiche si fanno reali, quasi come nel Tron di Steven Lisberger. I microcircuiti sono simili ad autostrade ed edifici urbani, o ad organici collegamenti sinaptici, mentre le strutture in cemento e acciaio, che offrono riparo durante la sparatoria, sembrano banchi di memoria e microchips. I paesaggi metropolitani sono modellati dall’occhio della mdp come impianti scenici ed architetture da videogioco, in cui anche il cielo e il mare diventano veri e propri corpi attoriali e come tali parti attive della scena filmica, e la marea umana del finale si confonde con le onde di luce dei dati che viaggiano nella Rete.
Le immagini stregano l’occhio dello spettatore in una fascinazione estetica sospesa tra reale e virtuale. Il deragliamento dello sguardo, confuso in questa continua trasposizione tra concreto ed immaginario, è accentuato dalla continua alternanza tra dilatazioni e contrazioni del tempo, accelerato o quasi annullato durante gli spostamenti fisici da un luogo all’altro, Chicago, Hong Kong o Jakarta, o seguendo il flusso delle informazioni digitali, e sapientemente rallentato, per assaporare la gravità delle emozioni e dei movimenti dell’animo umano.
Mann scava nella physis della virtualità, riconducendo ogni cosa all’immagine che si alimenta del quotidiano, creando spazi e plasmando il tempo.
Il virtuale assume una sua specifica corporalità, è un corpo a sé, la tastiera illuminata è un organo vitale che riceve i suoi input attraverso il catartico tasto “enter”, che scandisce i ritmi della nostra vita, giorno dopo giorno.
Master Control Program: Who programmed you?
CLU: I was simply…! [Clu is thrown into the air, lands on a derezzing device and screams in pain] (Tron, Steven Lisberger, 1982)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly