adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Simon Killer

sabato 28 Marzo, 2015 | di Marcello Polizzi
Simon Killer
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Sguardi periferici
Presentato nel 2012 al Sundance, Simon Killer è il secondo lungometraggio del trentenne newyorchese Antonio Campos, dopo l’opera prima Afterschool del 2008. Nel mettere in scena la vicenda di Simon, giunto a Parigi dagli Stati Uniti per una “pausa di riflessione” post-laurea, Campos attinge deliberatamente dal proprio passato di americano in trasferta nella capitale francese, e al tempo stesso si rifà all’immaginario di una Parigi ombrosa e noir, prendendo inoltre spunto da fatti di cronaca nera per tessere la trama del racconto.

E su quella sensazione di straniero in terra straniera, di vulnerabilità e disorientamento in una realtà estranea, il regista costruisce la struttura portante della pellicola, facendola ruotare attorno alla figura di Simon e filtrando la realtà attraverso il suo punto di vista. Simon Killer mediacritica-simon-killerè difatti un sguardo a senso unico sul suo protagonista in cui la vista viene immediatamente ed esplicitamente chiamata in causa: Simon nel primo dialogo e in più occasioni dice infatti di essersi laureato in neuroscienze con specializzazione nel rapporto tra occhi e cervello, portando una tesi sulla visione periferica. La vista è dunque l’occhio della camera con cui Campos pedina costantemente i suoi personaggi, come un voyeur li scruta in primi e primissimi piani dei volti e dei corpi. Ma è anche quella vista che ci viene negata attraverso un passato, quello di Simon, che non ci viene mostrato ma unicamente raccontato attraverso un ideale dialogo che il protagonista intrattiene tramite uno scambio di mail con Michelle, la ragazza con cui ha da poco chiuso un’importante relazione. Ed è questa visione proibita ad esaltare le zone d’ombra della personalità di Simon, quelle zone apparentemente periferiche, e ad insinuare il dubbio nello spettatore, creando una suspence dovuta al disvelamento dei risvolti più oscuri del suo animo e all’insorgere della psicosi. Tensione che, seppur in parte minata dalla prevedibilità, viene pienamente concretizzata dall’intensa e credibile interpretazione di Brady Corbet, che modella il ruolo su di un’evoluzione emotiva tangibile ed efficace. Ma se gode di successo la prova attoriale di Corbet, lo stesso non può dirsi in maniera convinta per la riuscita finale dell’opera, che pecca proprio nell’insistere in maniera reiterata e meccanica sugli quegli espedienti attraverso cui rendere la condizione di isolamento del protagonista. Così le scelte visive e l’uso del sonoro e delle musiche, altro elemento fondamentale nell’amplificare il processo interiore di Simon, risultano aspetti tanto affascinanti quanto sfruttati male da Campos, che ne esaurisce la forza e l’impatto registico in un compromettente manierismo che indebolisce man mano l’affascinante atmosfera generale. Simon Killer è dunque riuscito per metà, frammentato come il suo protagonista, alla ricerca di un impossibile equilibrio.

Simon Killer [id., USA 2012] REGIA Antonio Campos.
CAST Brady Corbet, Mati Diop, Nicolas Ronchi, Constance Rousseau, Lila Salet.
SCENEGGIATURA Antonio Campos, Brady Corbet, Mati Diop. FOTOGRAFIA Joe Anderson. MUSICHE Danny Bensi, Saunder Jurriaaans.
Drammatico, durata 101 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly