adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Ultimatum alla Terra (1951)

sabato 11 aprile, 2015 | di Michele Galardini
Ultimatum alla Terra (1951)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE ROBOT ROCK
È la fantascienza, bellezza!
Un nave spaziale, guidata da un umanoide di nome Klaatu (Michael Rennie) e dal possente androide Gort (interpretato da Lock Martin, altissima maschera del Grauman’s Chinese Theatre di Hollywood), atterra improvvisamente a Washington seminando il panico fra la popolazione. La missione di Klaatu è impedire la crescita degli armamenti nucleari terrestri, ritenuti una minaccia per il pacifico equilibro del sistema solare.

La fantascienza nasce con Méliès agli inizi del ‘900 e si concretizza sotto forma di genere nel secondo dopo guerra, grazie a registi folli e visionari (tra cui l’incredibile avventura low budget di Edward D. Wood Jr.) come Robert Wise che trovano il modo di concentrare le ansie post-bomba e pre-guerra fredda in opere evasive ma contingenti. Quello che sorprende in Ultimatum alla Terra, ad esempio, è la contrapposizione fra il carattere realista della messa in scena, con molte sequenze girate in loco tra cui alcune camera car non comuni per l’epoca, e una storia che parla di alieni, mediacritica_ultimatum_alla_terra1adi esseri extraterrestri, sovrumani, provenienti da un presente centomila volte più progredito della contemporaneità. Klaatu ha le sembianze del tipico rappresentante della middle class colta e per questo non fa fatica ad integrarsi dentro un contesto di normalità diffusa. Se per tutto il mondo egli è l’uomo astrale, per gli americani convoglia le ansie maccartiste nei confronti di una minaccia che viene dall’interno della società, tanto che la donna che lo ospita, inconsapevole della sua identità, ad un certo punto esclama “secondo me quello viene da questo pianeta e sapete bene da dove…”. Al pari di George Romero che, diciassette anni dopo, convinse l’America che il vero pericolo proveniva dalla lobotomizzazione della società operata dal capitalismo, Robert Wise utilizza l’alieno come metafora del comunismo che cerca di introdursi nelle trame della società americana. Per questo il sentimento più diffuso fra la popolazione non è paura bensì diffidenza: molti esagerano i tratti di Klaatu (tentacoli, testa quadrata e tre occhi) altri non credono alla sua provenienza o comunque la trattano come una finzione, arrivando ad affermare che con i repubblicani al governo non ci sarebbe stato probabilmente nessun atterraggio. Sono gli anni in cui nascono i primi germogli della corsa allo spazio, in cui la parola nucleare, non ancora ridotta a poltergeist, è presenza viva e terrorizzante. Wise concentra tutto questo humus dentro un film artigianale, quasi privo di effetti speciali, a dimostrazione della grande vitalità che questo genere apportò nel panorama hollywoodiano e della capacità di registi e maestranze di farci sognare lo spazio con una tuta di lattice e una navetta di legno.

Ultimatum alla Terra [The Day the Earth Stood Still, USA 1951] REGIA Robert Wise.
CAST Michael Rennie, Lock Martin, Patricia Neal, Hugh Marlowe, Sam Jaffe, Billy Gray.
SCENEGGIATURA Edmund H. North. FOTOGRAFIA Leo Tover. MUSICHE Bernard Herrmann.
Fantascienza, durata 92 minuti.

Ultimatum alla Terra (1951)
4.3 4 85%

2 Comments

  1. The Duke says:

    Per quanto mi riguarda, uno dei capolavori della fantascienza dei Cinquanta. Ha uno strano equilibrio che altri film di genere di quel periodo si sognano solo lontanamente.

  2. rodolfo says:

    insieme al film l’invasione degli ultracorpi e al primo della seria il pianeta delle scimmie anno 1968,e occhi bianchi su pianeta terra,e altri come bx radiazioni uomo,e poi ce sono tantissimi e bellissimi e in bianco e nero.quella fantascienza ora non esiste piu’,ma e’ bello averla vissuta,io mi ricordo ero un giovane di 23 anni che a roma al cinema planetario che esisteva a quei tempi fecero per tutto il mese di gennaio dello anno 1975 tutti i film di fatascienza americani dal 1950 al 1975,e fu un successone che tempi,non torneranno mai piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly