adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

House of Cards – Season 3

sabato 18 Aprile, 2015 | di Juri Saitta
House of Cards – Season 3
Serie TV
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

La gestione del potere
Se uno degli elementi più attrattivi delle prime due stagioni di House of Cards era la cinica e intricata scalata politica del protagonista, il terzo capitolo rischiava di essere leggermente sottotono: infatti, alla fine della seconda serie Frank Underwood è diventato Presidente degli Stati Uniti.

Dunque, nella terza stagione si poteva raccontare poco più dello svolgimento dell’incarico, un elemento in parte meno avvincente che poteva appiattire il prodotto. Un ostacolo che è stato però brillantemente superato. In primis, perché gli autori hanno gestito al meglio la questione del mantenimento del potere: Urderwood ha conquistato la presidenza a metà legislatura e le prossime elezioni sono vicine. mediacritica_house_of_cards_season_3_290Il protagonista dovrà così scontrarsi con un partito che non lo vuole confermare e, soprattutto, con un’avversaria che lo metterà in seria difficoltà alle primarie. E se il racconto politico è teso e incalzante, quello intimo sui personaggi e i loro rapporti risulta ulteriormente approfondito. Si pensi soprattutto alla crisi tra Frank e Claire, con il primo grato alla moglie ma al tempo stesso stanco delle sue richieste e con la seconda in bilico tra il legame al partner e il desiderio d’indipendenza. Ma House of Cards è anche un piccolo saggio sulla politica, sul suo funzionamento e sul suo modo di proporsi all’esterno. In questo senso, si può affermare, semplificando, che la prima stagione analizzava il rapporto tra politica e mass media, la seconda approfondiva la relazione tra governo e imprenditoria, mentre la terza si concentra inevitabilmente sull’amministrazione del potere. Quindi, che tipo di presidente è Underwood? Sicuramente cinico e spregiudicato, ma allo stesso tempo pragmatico e adattabile, capace di cambiare rapidamente strategia e fare concessioni dolorose (vedi il caso Petrov). Questo anche perché è un uomo quasi senza ideali, che considera il potere non un mezzo ma un fine, tanto che anche le riforme in cui (forse) crede – come l’American Works – hanno soprattutto funzioni tattiche ed elettorali. E il modello di presidenza che incarna è quello decisionista tipico dell’“uomo solo al comando”, che accetta di rado i consigli e ascolta poco i suoi collaboratori. Underwood è quindi un personaggio per il quale si prova un senso di attrazione-repulsione: la sua abilità ce lo fa ammirare, la sua spietatezza ci fa bramare per la sua sconfitta. Un sentimento ambiguo che forse è il risultato migliore dell’intera serie. Dunque, la terza stagione di House of Cards, al netto di alcune puntate minori, conferma le migliori caratteristiche narrative e analitiche delle stagioni precedenti. Ed è davvero un ottimo risultato.

House of Cards [id., USA 2015] IDEATORE Beau Willimon.
CAST Kevin Spacey, Robin Wright, Michael Kelly, Mahershala Ali, Molly Parker.
Drammatico/Politico, durata 50 minuti (episodio), stagioni 3.

House of Cards – Season 3
3.5 4 70%

3 Comments

  1. Buffalo '66 says:

    Ho tutta la stagione bell’e pronta, ci sono quasi. E ringrazio chi ha scritto questa recensione perché è Spolier Free… finalmente 🙂

  2. Nicole Braida nicole says:

    Ma vogliamo parlare di Claire? Nella seconda serie era anche lei davvero spietata, ma in questa invece ha dimostrato quasi di avere un cuore. House of Cards é anche interessante per come vengono dipinti uomo e donna al potere, Frank e Claire non guardano in faccia nessuno, né si guardano l´un l´altro, tantomeno guardano se stessi. Come hai detto sono entrambi “senza ideali”. Anche perché al di sopra di loro non c´é nulla. Doug ad esempio dei valori ce li ha, forse il suo personaggio in questa serie ha avuto una bellissima ascesa.

    • Juri S. says:

      Sì, in effetti Claire ha dimostrato di essere spietata fin dalla prima stagione, basti pensare a come ha gestito la sua società. In questa dimostra di essere un po’ più umana, soprattutto nella puntata ambientata a Mosca. In effetti Doug è un personaggio che viene ben approfondito, così come quello di Remy. Ora sono curioso di come la quarta serie svilupperà la Dunbar, che, nonostante sembri avere degli ideali ed essere praticamente incorruttibile, ha già dato i primi segnali di cinismo e spregiudicatezza. Vedremo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly