adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mia madre

sabato 18 Aprile, 2015 | di Luca Giagnorio
Mia madre
Speciale
5
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE NANNI MORETTI
“Mamma, a cosa stai pensando?”. “A domani”
A distanza di quattro anni da Habemus Papam, Nanni Moretti torna nelle sale con Mia madre, film intimo e autobiografico che affronta la malattia e gli ultimi giorni di vita della madre, “un passaggio importante nella vita di chiunque”.

Margherita, regista impegnata sul set di un film socio-politico su una fabbrica di operai a rischio licenziamento e alle prese con il fanfarone e stravagante attore americano protagonista (un John Turturro sopra le righe cui sono affidati i momenti più divertenti del film), affronta, insieme al fratello Giovanni, la degenza della madre in ospedale tentando di mantenere, tra molte difficoltà, il precario equilibrio tra lavoro e vita privata. mediacritica_mia_madre_290Dopo La stanza del figlio, Moretti torna a confrontarsi con il tema emotivamente forte della morte di un familiare stretto, un lutto vissuto questa volta sulla propria pelle, e gira un film asciutto, schietto e sincero (alcuni dialoghi sono vere frasi pronunciate dalla madre in ospedale e annotate da Moretti nei suoi diari privati) mettendo in scena un momento doloroso e personale, come non accadeva dai tempi di Caro Diario nel racconto della malattia. Il Moretti della piena maturità si conferma nuovamente (come già in Habemus Papam e Il Caimano) capace di ritagliarsi un ruolo di secondo piano come attore lasciando per la prima volta a una donna, Margherita Buy, il compito di condensare sullo schermo le sue ansie, i suoi dubbi, le sue fragilità, le sue nevrosi. Nell’affrontare la perdita materna Moretti ha cercato “qualcosa di sostanziale che mi era sfuggito” e che gli viene restituito, ad esempio, nel ricordo della madre professoressa tratteggiato da ex alunni, all’interno di un racconto che non vuole essere terapeutico, ma riflettere su come non tutto, delle persone che ci lasciano, va perduto. Mia madre è un film su quello che rimane, sul significato della perdita, ed è anche – come spesso in Moretti – un’opera sul cinema. Ecco ancora una volta un film nel film che ci offre l’occasione – attraverso l’alter ego femminile – di sbirciare Nanni sul set: la preoccupazione di non essere all’altezza, una troupe che lo contraddice troppo poco (“Il regista è uno stronzo a cui si permette di fare di tutto”), l’idiosincrasia con l’istrionico e presuntuoso attore protagonista, una regia al servizio della storia ma capace nella sua essenzialità di raccontarla con lucido distacco emotivo e con interpreti che non si annullano nei rispettivi personaggi ma “stanno loro accanto”, fino al rifiuto, ironico e un po’ polemico, del ruolo di privilegiato e profetico interprete della realtà che lo circonda da sempre: “tutti pensano che io sappia interpretare la realtà ma io non ci capisco più nulla”. La politica una volta tanto rimane sullo sfondo e il film di Margherita sugli operai in sciopero è funzionale nel creare un contrasto con una figura femminile tanto a disagio e destrutturata nella vita privata, quanto consapevole nel girare un film solidamente strutturato. Moretti si conferma un autore unico nel panorama italiano, capace, pur partendo da storie intime e personali, di porsi in un rapporto dialettico con il pubblico attraverso film che, nel bene e nel male, offrono sempre spunti di riflessione non banali.

Mia madre [Id., Italia/Francia 2015] REGIA Nanni Moretti.
CAST Margherita Buy, John Turturro, Nanni Moretti, Giulia Lazzarini.
SCENEGGIATURA Nanni Moretti, Francesco Piccolo, Valia Santella. FOTOGRAFIA Arnaldo Catinari.
Drammatico, durata 106 minuti.

Mia madre
3.6 19 71.58%

5 Comments

  1. Giulia Melli says:

    L’ho visto oggi, io Moretti non lo capisco, non mi piace mai.. ma la recensione mi è piaciuta!! Complimenti!

    • Luca Giagnorio says:

      I gusti sono gusti. Penso, come ho scritto, che rimanga uno dei pochi autori italiani ancora capace di far discutere (anche dei motivi per cui non piace, perché no), ed è sempre un bene.
      Comunque grazie!

  2. giovanna says:

    Bella e intrigante recensione che mi farà andare a vedere il film, anche se il mio rapporto con Moretti non è di grande simpatia

    • Luca Giagnorio says:

      Grazie! Azzardo: se c’è un film che può riconciliare con il cinema di Moretti anche chi non lo apprezza più di tanto, è proprio questo.

  3. musico says:

    Giustissimo Luca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly