adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Serenity (2005)

sabato 25 Aprile, 2015 | di Alice Cucchetti
Serenity (2005)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE JOSS WHEDON
Basta guardare il cielo
Gli universi paralleli esistono. Molti probabilmente lo ignorano, ma c’è un mondo alternativo dove un tale di nome Joss Whedon è considerato alla stregua di una divinità pagana. Da venerare e idolatrare. Chi è Joss Whedon? È il creatore di Buffy l’ammazzavampiri e del suo spin off Angel.

Ha poi realizzato la serie tv Dollhouse, e se sfogliate i suoi credits sull’Imdb scoprirete che ha scritto Alien – La clonazione e il primo Toy Story. Oltre a The Avengers e il suo seguito, Age of Ultron, ovviamente.
In quell’universo parallelo in cui Joss Whedon è Dio, il network americano Fox è il Diavolo e il peccato originale si chiama “cancellazione di Firefly”. Una serie, Firefly, che non tutti, nel mondo “reale”, hanno sentito nominare, ma che per gli adoratori di Whedon è una delle più amate di sempre. Quindici maltrattatissimi episodi, mandati in onda dalla Fox a casaccio tra il 2002 e il 2003, relegati nel terribile “slot della morte del venerdì sera” (quando gli americani guardano lo sport e le serie tv veleggiano verso la soppressione), spariti dai piccoli schermi per la mancanza di ascolti. Firefly è (“è”, al presente: in quell’universo parallelo, che poi si chiama Whedonverse, tutti sono fermamente convinti che, prima o poi, il Miracolo avverrà e la serie televisiva proseguirà con nuove avventure) un telefilm di fantascienza ambientato in un futuro e in una galassia lontane lontane. Al centro della storia, l’astronave del capitano Malcolm Reynolds (Nathan Fillion) e il suo equipaggio: il capitano, appunto, reduce indipendentista sconfitto dall’Alleanza dopo l’unificazione/conquista del sistema stellare; l’ufficiale in seconda ed ex commilitone di Malcolm, la tosta Zoe; il pilota Wash, il mercenario Jayne, la meccanica Kaylee, il pastore Book, l’accompagnatrice Inara. E poi i due fuggitivi, fratello e sorella, Simon e River Tam. River era una bimba prodigio, ora è “matta” e pericolosa: l’Alleanza ha condotto su di lei esperimenti misteriosi e adesso le dà la caccia fino ai confini dell’universo. Serenity è il film che Joss Whedon è riuscito a regalare ai suoi fan, orfani inconsolabili di Firefly. Per dare una degna conclusione alla storia e per elaborare il lutto. Una trama godibilissima anche per chi non ha seguito la serie, capace di presentarci in poche battute i personaggi, puntellare con precisi paletti un universo finzionale dettagliato, appassionare alle avventure di questi fuorilegge scalcagnati e adorabilmente simpatici. Ma, naturalmente, è agli accoliti di Firefly che Serenity “parla” davvero, raccogliendo tutti i temi e le ossessioni di Whedon (che, anche se non lavora per Hbo o Amc, è davvero un “autore”, con poetica ed estetica personali): una “famiglia” elettiva che sostituisce quella genetica, allacciandosi fortemente nell’affetto reciproco e nell’accettazione; un sentimento di giustizia da perseguire al di là delle etichette prestabilite (in Buffy erano i freaks, a salvare il mondo; qua sono i “fuorilegge”); un’ibridazione di generi, in questo caso la componente spaziale Sci Fi alla Star Trek contaminata con ambientazioni e stilemi western, una volta scesi a terra; figure femminili centrali e indimenticabili (non fatevi ingannare dal protagonista maschio, i personaggi che veramente “vedono”, “comprendono” e “salvano” la situazione sono donne, ognuna a proprio modo, e senza perdere le proprie individualità nei contorni del genere sessuale); una galleria di caratteri indimenticabili che nascono come stereotipi narrativi e funzionali e poi crescono, in poco tempo, trasformandosi in personalità ben definite; e, per concludere, un’indomita ironia di scrittura, tra battute fulminanti e dialoghi incalzanti. Serenity è una pellicola solida, dal ritmo serrato, ottimamente realizzata e interpretata, capace di riassumere i canoni del genere fantascientifico e dell’action movie. Ma, certo, non è un capolavoro. Non è Blade Runner, non è Matrix e nemmeno Star Wars. Le ragioni del suo successo – non un successo commerciale, anche se le considerevoli vendite in dvd ne hanno fatto un piccolo caso – sono indissolubilmente legate a quelle della serie da cui è tratta: sono passati nove anni dalla messa in onda della prima e unica stagione di Firefly, eppure i fan non demordono (qualcosa di simile è successo con altri prodotti Sci Fi, ad esempio Battlestar Galactica che vanta un seguito di irriducibili appassionati fin dalla serie classica anni ’70). Quello in cui eccelle Whedon (più o meno come una divinità, insomma) è l’arte della creazione di mondi. L’universo di Firefly è denso di dettagli, frutto di un’accurata costruzione futuribile che incastra la cultura occidentale con quella asiatica (i personaggi parlano un inglese lievemente dissimile dall’attuale, imprecano in cinese e scrivono mescolando l’alfabeto agli ideogrammi), e apre costantemente delle finestre sull’esterno, trascinandosi dietro un “fuoricampo” che si intuisce più sconfinato e definito di quello mostrato. Un universo all’interno del quale è facile abbandonarsi e che è difficile abbandonare. Se a guidarci è poi una crew di personaggi dei quali diventeremmo volentieri migliori amici, se il filo rosso è un inno alla libertà, all’indipendenza e al pensiero critico, bè, ecco spiegato il motivo di tanto folle e appassionato amore. D’altra parte, è la sigla stessa della serie Firefly a indicare la via: Take my love, take my land, take me where I cannot stand: I don’t care, I’m still free, you can’t take the sky from me. Il cielo di un’immaginazione infinita è inamovibile e tra le sue stelle, di tanto in tanto, gli universi paralleli sanno incontrarsi.

Serenity [id., USA 2005] REGIA Joss Whedon.
CAST Nathan Fillion, Gina Torres, Summer Glau, Adam Baldwin, Morena Baccarin.
SCENEGGIATURA Joss Whedon. FOTOGRAFIA Jack N. Green. MUSICHE David Newman.
Fantascienza, durata 119 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly