adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Firefly (2002-2003)

martedì 28 aprile, 2015 | di Alice Cucchetti
Firefly (2002-2003)
Serie TV
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Big damn heroes
Ci sono cose che misteriosamente accadono, «come la comparsa dei biscotti Togo al cioccolato». O come Lost e la perfetta coincidenza storico-mediale in cui è nato e fiorito. Così, parlare di Firefly senza il suo contesto, come se non fosse stata maltrattata dal network e cancellata dopo pochissimi episodi, e, dopo ancora, rimpianta e vagheggiata e sognata da legioni di fan, è pressoché impossibile.

C’è un futuro abbastanza lontano in cui la terra è diventata invivibile e l’umanità ha conquistato, terraformandoli, nuovi pianeti: lo spazio è la nuova Frontiera, al centro c’è un’Alleanza che si dice democratica e liberale ma è ovviamente totalitaria e manovrata da grosse corporation, ai margini piccoli mondi e corpi celesti, semicolonizzati e ancora in parte selvaggi, dove il potere centrale è un po’ più lento e tutto può succedere. Il capitano Malcolm Reynolds una volta era un soldato.mediacritica_firefly_290 Ribelle: ha lottato perché il suo paese non fosse conquistato, e ha perso. Ora fa il contrabbandiere, ha chiamato la sua (astro)nave – un mezzo rottame – come la battaglia della definitiva sconfitta, ha messo insieme un equipaggio e, per caso o per fato, si ritrova a bordo una ragazzina stramba e forse pericolosa su cui l’Alleanza vuole a tutti i costi mettere le mani. Il viaggio di Mal e della sua crew – che poi è l’ennesima famiglia allargata, composta di misfit e outsider, creata da Joss Whedon – parte come una resistenza quotidiana e avventurosa, prende tutti i topoi del western e le sue figure iconiche (cavalieri solitari, mercenari, fuorilegge, prostitute toste, pastori saggi, e via discorrendo) e li appoggia su un tappeto ampio di fantascienza distopica e di space opera. Comincia come una fuga gonfia d’orgoglio e speranza («We’re still flying» «It’s not much» «It’s enough») e termina con una chiamata all’azione, all’insurrezione («No more running. I aim to misbehave»). Alla sua prima prova post Buffy & Angel, Whedon apparecchia subito un altro universo finzionale che si intuisce, dal primo minuto, vasto e dalle sconfinate potenzialità d’esplorazione: oltre ai generi di cinema e tv, ibrida l’Occidente con l’Oriente (facendo imprecare in cinese i suoi personaggi, con un solo gesto aggira la censura e arreda un mondo) e informa tutto quanto di commedia, imbastendo dialoghi dal ritmo inappuntabile (e drammaticamente intraducibile) costellati di battute che sembrano fatte apposta per diventare cult. La sovrapposizione tra realtà e fiction fa scintille: impossibile non vedere Joss Whedon come l’eroe solitario tradito a più riprese dall’Alleanza/Fox, costretto a lottare su una barca che resta in aria più per forza di volontà che per altro (come la Serenity); e i suoi spettatori/fan, autonominatisi “Browncoats” come i combattenti indipendentisti, che continuano a lottare, contro ogni evidenza, nella speranza che prima o poi l’epopea di Firefly possa risorgere («You can’t stop the signal» dirà Mr. Universe in Serenity, pellicola che Whedon è riuscito a completare, con sforzo titanico, due anni dopo la cancellazione della serie, per chiudere almeno la storyline di River). Per tutti gli altri, Firefly è “solo” una manciata d’episodi di divertimento fluido e avventuroso, qualche volta sinceramente commovente (Out of Gas), qualche altra esilarante (Jaynestown), aggregata attorno a nove personaggi che sono contemporaneamente archetipi narrativi e caratteri indubitabilmente umani. Big damn heroes, a cui nessuno, davvero, potrà togliere il cielo.

Firefly [id., USA 2002-2003] IDEATO DA Joss Whedon.
CAST Nathan Fillion, Gina Torres, Alan Tudyk, Adam Baldwin, Summer Glau.
Fantascienza/Western, durata 45 minuti (episodio), 1 stagione (14 episodi).

Firefly (2002-2003)
5 3 100%

One Comment

  1. JaneLane says:

    citazione degli Offlaga + Firefly = love

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly