adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Southeast Asian Cinema – When the Rooster Crows

giovedì 30 Aprile, 2015 | di Filippo Zoratti
Southeast Asian Cinema – When the Rooster Crows
Festival
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

17° Far East Film Festival, 23 aprile – 2 maggio 2015, Udine

Quattro cavalieri, per scongiurare l’apocalisse
Brillante Mendoza, Eric Khoo, Garin Nugroho, Pen-Ek Ratanaruang: carneadi per il pubblico cinematografico occidentale, pionieri per l’industria asiatica del sud-est. Il Far East Film Festival di Udine, si sa, vive anno dopo anno di continue intuizioni, affacciandosi sulle mille possibilità che l’Oriente offre.

Con l’apertura al documentario del 2014 (impreziosita da titoli di spicco quali The Search for Weng Weng e Boundless) si è di fatto spalancato un nuovo filone aurifero mai indagato prima. Così, mentre per la selezione “ufficiale” la kermesse prosegue il suo cammino pop(olare) shakerando con nonchalance alto e basso, la ristretta cerchia dei lavori non finzionali apre squarci più verosimili sulle nazioni e sugli equilibri in gioco.mediacritica_southeast_asian_cinema_when_the_rooster_crows_290 A dirigere Southeast Asian Cinema c’è l’italiano Leonardo Cinieri Lombroso, che già nel 2010 con Through Korean Cinema si era cimentato nell’indagine socio-culturale orientale. Venato di una spontanea e immediata nostalgia, il nuovo documento di Lombroso intraprende un percorso che attraversa Filippine, Indonesia, Tailandia e Singapore. Quattro stati per quattro registi alfieri di una “nuova onda” indipendente che si pone in aperto contrasto con le produzioni ad alto budget tonitruanti e dall’incasso facile. Il mosaico prende forma con le testimonianze di Ratanaruang sulla pesante censura tailandese, del singaporiano Khoo sul mix di visioni e religioni cui scende quotidianamente a patti la sua terra natìa e dell’indonesiano Nugroho, fautore di un “realismo magico” visto come naturale reazione alla caduta del regime di Suharto. Su tutti a colpire maggiormente è però l’apripista di Southeast Asian Cinema, il filippino Brillante Mendoza. Nelle sue parole risuona il tentativo di una coesione universale di spirito e di contenuti, la presa di coscienza di un autore che ha iniziato relativamente tardi a girare (a 45 anni) spinto dal desiderio fondante di filmare il reale, l’ordinarietà e la quotidianità senza filtri. Ciò che per gli altri cineasti interpellati resta sottotraccia, con Mendoza si esplicita senza alcuna titubanza: l’obiettivo è creare una cinematografia nazionale alternativa al prodotto hollywoodiano che riempie le sale. Un intento nobile, anticonformista e all’avanguardia, che fa rima con la sete di democrazia di Paesi e popolazioni sempre tenuti ai margini. È un’idea di cinema che combatte per la libertà di espressione, sgomitando persino ingenuamente per farsi vedere e conoscere (in questo senso, ogni partecipazione ai maggiori festival mondiali – Cannes, Berlino, Venezia – è già di per sé una vittoria). Il gallo sta cantando, come sottolinea il giocoso sottotitolo When the Rooster Crows: per le Filippine, l’Indonesia, la Tailandia e per Singapore (e per l’Asia tutta?) è ora di svegliarsi.

Southeast Asian Cinema – When the Rooster Crows [Id., Singapore/Italia 2014] REGIA Leonardo Cinieri Lombroso.
CAST (INTERVISTE) Brillante Mendoza, Eric Khoo, Garin Nugroho, Pen-Ek Ratanaruang.
SOGGETTO Leonardo Cinieri Lombroso.
Documentario, durata 88 minuti.

2 Comments

  1. Cristina says:

    Bellissimo articolo, ma confesso che pur trovando ovviamente interessanti gli argomenti trattati la “messa in scena” era pesante.

  2. Buffalo '66 says:

    Non tutto scorreva Cristina, hai ragione! Ma gli argomenti erano talmente “importanti” e densi da farmi dimenticare la pesantezza 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly