adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

1992 – Season 1

sabato 9 maggio, 2015 | di Massimo Padoin
1992 – Season 1
Serie TV
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Moriremo democristiani
#daunideadiStefanoAccorsi e le versioni sottotitolate alle battute di Tea Falco: forse così qualcuno si ricorderà la prima stagione di 1992. Ma 1992 in fondo è stata la prima serie italiana a raccontare avvenimenti politici e storici fuori dall’egida rassicurante della Rai, e da quella aziendalista di Mediaset.

1992 fa nomi e cognomi, e il fatto che alcuni di questi continuino a influenzare la vita pubblica odierna non fa altro che essere cassa di risonanza spettatoriale per certi nervi scoperti e frutto dell’omertà televisiva italiana. Di Pietro e Dell’Utri sono parti attive della narrazione, a cui si aggiungono le sagome di Bossi, Berlusconi, oltre a Lorella Cuccarini. Ma soprattutto ci sono Fininvest e Publitalia ’80. Com’è chiaro 1992 inizia non solo dal presupposto mediacritica_1992_290politico di raccontare Mani Pulite, ma si interroga su quanto la spettacolarizzazione televisiva sia stata artefice della Seconda Repubblica. Ne è esempio Leonardo, rampante pubblicista di Publitalia, che vede in Berlusconi il volto nuovo della politica. Oltre a Leonardo, il filone narrativo principale di 1992 è affidato all’ufficiale di polizia Luca Pastore, che racconta dall’interno le indagini di Tangentopoli. Il sistema di favori politico-imprenditoriale e la spettacolarizzazione pubblicitaria della politica sono i due poli d’indagine della serie che guidano tutte le altre storie all’interno di queste due sfere d’azione. È così appunto per Pietro Bosco, deputato della Lega che inizia una relazione con Veronica, valletta ossessionata dalla conduzione di Buona Domenica. L’episodio di Bosco rappresenta il trait d’union dei nuclei tematici della serie, evitando inoltre di cadere nella retorica schematica dell’antipolitica. Si direbbe: spettacolo, mazzette e politica, ma è il miscuglio tra desiderio, necessità e rivalsa che dà al personaggio di Bosco un’anima sincera nella propria ambiguità. L’intreccio di vicende personali sullo sfondo storico (qualcuno ha detto Mad Men?) funzionerebbe, ma una rigidità di fondo fa apparire il tutto un compitino un po’ borioso e convinto di esser sufficiente nel mettere insieme i cocci rotti della Prima Repubblica per raccontare l’inizio della Seconda. Più stimolante invece è l’interesse a raccontare gli ideali traditi per convenienza personale, come quelli di “Bibi” Mainaghi, da sciancata antiborghese a cinica manager d’azienda, e di Leonardo, ex comunista diventato mente illuminata della politica aziendale, che compongono uno scenario privato delle passioni sociali giovanili per entrare in un mondo del lavoro che non ha bisogno di sognatori. 1992 è sia questo che il prolungamento dell’edonismo anni ’80 ma al suo punto di rottura, in cui il nuovo inizio non è altro che la fine dell’altro ciclo ma in una veste nuova. Insomma, mettetela come volete, ma 1992 sembra quasi dirci che moriremo democristiani, magari solo più smart.

1992 [Italia 2015] IDEATORI Stefano Sardo, Stefano Accorsi, Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi.
CAST Stefano Accorsi, Miriam Leone, Domenico Diele, Guido Caprino, Tea Falco.
Drammatico, durata 60 minuti (episodio), stagione 1.

1992 – Season 1
2.8 6 56.67%

3 Comments

  1. Kim says:

    d’accordo con la recensione, idea interessante ma purtroppo sviluppata malissimo a livello di scrittura.. tutto troppo telefonato e anche gli attori, insomma eh…

  2. JaneLane says:

    una delle cose che mi ha più infastidito è la necessità di spiegare sempre tutto a parole, nell’incapacità evidentemente di evocare un contesto e delle motivazioni usando tutte le possibilità del linguaggio seriale. certi dialoghi sono lontani anni luce da qualsiasi verosimiglianza, e non parlo di Notte, per il quale la caratterizzazione tramite slogan può anche essere azzeccata, ma soprattutto di Bibi, Pastore e Veronica… delusione!

    • Massimo Padoin MaxPado says:

      D’accordo su tutto, un peccato perché sulla carta aveva anche delle belle potenzialità, ma tra Accorsi che gigioneggia a fare Don Draper e una scrittura che semplifica i rapporti sia tra i personaggi che gli avvenimenti , è una serie che si è persa per strada. Peccato perché Sky aveva pure azzeccato la mossa pubblicitaria creando un canale tutto dedicato al1992…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly