adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il posto delle fragole (1957)

sabato 23 Maggio, 2015 | di Erasmo De Meo
Il posto delle fragole (1957)
Film History
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE TARDA PRIMAVERA (E ALL’IMPROVVISO SEI VECCHISSIMO)
Un cinema trasfigurato
Nel celebre Film (1965) di Alan Schneider un uomo, interpretato da Buster Keaton, ha paura della propria immagine, sente che sta per morire o forse morto lo è già. Gli ultimi suoi segni di vita non sono che gesti di paura, paura della morte, di scoprirsi finito. Annulla tutto il proprio passato, strappando le foto con rabbia.

Lì l’immagine stessa, fotografica o cinematografica, è la morte. Ciò che viene inquadrato si annulla, si cancella, si svuota. Nell’ultimo quadro, quando la fissità dell’uomo sembra suggerire la raggiunta fine scopriamo che la morte non ha altra figura che quella di se stesso e del suo sguardo: la morte è lo sguardo dell’Io su se stesso. mediacritica_il_posto_delle_fragole_290Otto anni prima, in Il posto delle fragole di Bergman, il professore Isak Borg scopre la stessa cosa, ma invece di annullare il sé lo insegue in cerca di spiegazioni e ne è inseguito. Il ricordo, il sogno, l’incubo, il quotidiano dialogo che si barcamena tra il formale, il sincero, il rancoroso e il silenzio, tutto è messo sullo stesso livello in questa ricerca dell’essere, tutto ha pari dignità. Eguale spazio è concesso da Bergman ad ogni elemento, in una varietà di situazioni strutturate in un tutt’unico sorprendente, in cui non si avvertono stacchi, passaggi, frammenti: è l’amalgama della vita psichica del personaggio messo in scena. Nell’incubo il volto dietro la mano che lo tira all’interno di una bara ha le sue fattezze, nel ricordo sua cugina Sara tiene davanti a lui uno specchio per mostrargli come è invecchiato. Isak è costretto ad accettare la realtà, il riflesso di sé lo inchioda. Il passato è ormai incomprensibile, “Non parliamo la stessa lingua” afferma Sara, personificazione della memoria cui era caro ritornare. Tutti gli oggetti conservati dalla vecchia madre sono un simulacro, un palliativo alla solitudine. Sempre il ricordo-Sara afferma “Ho avuto troppi riguardi per te, ma arriva il momento in cui ci si ribella”, tutta la vita di Isak gli si rivela inutile, attorno a lui c’è una nuova esistenza che è nel pieno del suo crearsi: i ragazzi che fanno l’autostop e discutono di Dio, la coppia che litiga per futilità, la nuora che è incinta ed è combattuta se mettere al mondo un nuovo essere infelice. Isak invece non può che fare piccole azioni, riconciliarsi con la governante, consigliare il figlio. Ma fa tutto ciò mentre la giornata finisce, non per gli altri che sembrano avere ancora tutta la notte davanti, per lui, che saluta, si prepara per dormire, si mette a letto mostrando la sua immanente condizione di morto che vive. Addormentatosi ritrova i ricordi, stavolta sereni e benigni, forse ora parla la loro stessa lingua, è anche lui un ricordo, un’ombra. E il primo piano conclusivo è lo stesso che conclude Film: noi di fronte a noi stessi.

Il posto delle fragole [Smultronstället, Svezia 1957] REGIA Ingmar Bergman.
CAST Victor Sjöström, Bibi Andersson, Ingrid Thulin, Gunnar Björnstrand.
SCENEGGIATURA Ingmar Bergman. FOTOGRAFIA Gunnar Fischer. MUSICHE Erik Nordgren.

Drammatico, durata 91 minuti.

One Comment

  1. Bea says:

    Film toccante e delicato nonostante la portata del messaggio. Complimenti per la recensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly