adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Viaggio a Tokyo (1953)

sabato 4 Luglio, 2015 | di Erasmo De Meo
Viaggio a Tokyo (1953)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE YASUJIRŌ OZU
La scissione di un’unità
I film di Ozu hanno la bellezza dell’arte classica e la sua potenza espressiva, non si basano su una trama ma su uno stato d’animo, gli accadimenti non sono che pretesti, esplorazioni, prove per quello stato d’animo che così emerge autentico e sincero dalle azioni, che diventano azioni-descrizioni.

Tōkyō monogatari descrive lo stato d’animo di Shukichi e Tomi, un’anziana coppia che decide di partire dal loro piccolo villaggio e andare a trovare i loro figli a Tokyo. I figli sono molto cambiati, il lavoro domina le loro vite, la distanza dai genitori maturata con l’indipendenza, la lontananza, sembra irrecuperabile, il loro rapporto è di pura cortesia. “Poniamo troppe aspettative nei nostri figli” mediacritica_viaggio_a_tokio_290dice un vecchio amico di Shukichi, anche lui a Tokyo, e a rivelarsi più gentili e generose son spesso le persone da cui ci si aspetta meno: il secondo figlio della coppia è scomparso in guerra e la moglie Noriko, dopo 8 anni, non ha ancora ripensato a sposare un altro uomo e cominciare un’altra vita. Sarà lei a mostrarsi più vicina alla coppia. Se il dialogo con i figli è difficile, quello con i nipoti è del tutto assente: durante una passeggiata la nonna prova a parlare col piccolo Isamu, ma lui resta muto, di spalle. C’è freddezza, amarezza, rassegnazione, i temi sono simili ad altre opere di Ozu come Figlio unico, Tarda primavera, Il gusto del sakè, il rapporto tra generazioni e tra individuo e gruppo di appartenenza, in primis la famiglia. Le celebri inquadrature di Ozu geometriche ed equilibratissime stupiscono ad ogni visione, talmente son piene di bellezza, ordine e significato. Il fitto sovrapporsi di quadrati, porte, piani, rettangoli, motivi lineari, in cui i personaggi sono disposti mette in rapporto uomini e ambiente come solo il neorealismo e certo cinema russo hanno saputo fare. Gli uomini sembrano incasellati, disposti a vivere in riquadri predefiniti, senza uscire dai binari, ognuno ha il suo spazio e il suo ruolo, Ozu reinterpreta figurativamente la concezione della società giapponese. La vita si rivela necessariamente egoista e tra gli individui c’è un muro, un limite. Ad ogni inquadratura abbiamo infatti un personaggio singolo o personaggi disposti su più piani, non c’è mai un insieme, una parità. Solo due volte si infrange la regola, alla morte di Tomi quando c’è una fuggevole riunificazione familiare e quando la coppia unita dalle difficoltà agisce e quasi pensa insieme, quasi fossero due facce dello stesso individuo, o come abbiamo accennato, dello stesso stato d’animo. In una scena i due camminano lungo un muro oltre il quale si vede Tokyo, Shukichi dice a Tomi che se si separassero potrebbero perdersi e non trovarsi più: la separazione-scissione da noi stessi cui la vita adulta e la città ci costringono.

Viaggio a Tokyo [Tōkyō monogatari, Giappone 1953] REGIA Yasujirō Ozu.
CAST Chishū Ryū, Chieko Higashiyama, Setsuko Hara, Haruko Sugimura, Sō Yamamura.
SCENEGGIATURA Kōgo Noda, Yasujiro Ozu. FOTOGRAFIA Yūharu Atsuta. MUSICHE Kōjun Saitō.
Drammatico, durata 136 minuti.

Viaggio a Tokyo (1953)
4 2 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly