adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Barton Fink – È successo a Hollywood (1991)

sabato 11 Luglio, 2015 | di Nicole Braida
Barton Fink – È successo a Hollywood (1991)
Film History
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE 34° PREMIO SERGIO AMIDEI
Eraserhead
Barton Fink è il racconto onirico della frustrazione di un autore in preda ad un “blocco”. I Coen mescolano come al solito vari generi: noir e commedia si intrecciano attraverso horror ed onirico.

Barton si fa tentare dalla somma di denaro offertagli dal produttore Jack Lipnick (un magnate analfabeta) e per questo lascia le sue sicurezze newyorkesi per la sciatta Hollywood, dedita ai party e lontana dalle sofferenze dell’uomo comune. Non solo, si fa anche sedurre dalla bellezza algida di Audrey (Judy Davis), donna d’altri tempi (ricorda Lauren Bacall in qualche modo) e ghostwriter di un marito di successo e alcolizzato. L’idea dello scrittore mediacritica_barton_fink_290genio viene smontata e ridicolizzata: W.P. Mayhew (ispirato a William Faulkner) vomita, urina in pubblico, schiaffeggia la moglie e impreca in preda alla sbornia. Lo stesso Barton è un individuo kafkiano (che assomiglia tanto al protagonista di Eraserhead), incapace di confrontarsi e di esprimersi direttamente. Charlie (John Goodman), uomo comune dall’apparenza bonaria e sincera, lo tratta da subito come se fosse un amico, piuttosto invadentemente si insinua nell’intimità della sua camera d’albergo e gli racconta la sua ordinaria vita. Gli incontri tra i due, in quanto vicini di stanza, avvengono però solo in quella di Barton, un luogo che è il corpo orrorifico della vicenda. Il grottesco qui, nell’intimità della stanza (o simbolicamente della sua mente), trasuda attraverso sensazioni costruite con l’uso attento del sonoro e dell’immagine: l’atmosfera si riscalda lentamente lasciando che dalle pareti si sciolga la colla e si stacchino le carte da parati, si sentono rumori continui e forti: una zanzara, la ventola, la coppia che geme in una stanza, lo stesso Charlie che ride con una nota mefistofelica. L’Hotel Earle è un luogo infernale (Steve Buscemi arriva alla reception da sottoterra) apparentemente vuoto, fatta eccezione per Charlie e Barton. Forse siamo allora dentro la testa di Barton, o in un sogno: questi infatti trova una Bibbia (il testo sacro non poteva mancare) dove la Genesi inizia esattamente come la sua pièce teatrale di successo. Il calore continua a salire fino a che non esplode letteralmente in fuoco: Barton crede di avere scritto “La” sceneggiatura, ma questa non piacerà. Non riuscirà dunque a fare la differenza, poiché non è nel cinema che Barton potrà trovare il suo pubblico. Nell’incipit sentiamo recitare la sua commedia: si dice che la stessa luce del giorno può essere un sogno, se la si è vissuta ad occhi chiusi. Barton, nella sua incapacità di vivere ed agire, di ascoltare veramente, vive come in un sogno. E se gli attori parlano di un uomo di cui un giorno si sentirà parlare, e non grazie ad una cartolina, paradossalmente la fine di Barton è proprio questa: finire dentro una cartolina.

Barton Fink – È successo a Hollywood [Barton Fink, USA 1991] REGIA Joel & Ethan Coen.
CAST John Turturro, John Goodman, Judy Davis, Steve Buscemi, Micheal Lerner.
SCENEGGIATURA Joel & Ethan Coen. FOTOGRAFIA Roger Deakins. MUSICHE Carter Burwell.
Commedia, durata 116 minuti.

4 Comments

  1. JaneLane says:

    visto e apprezzato troppi anni fa, devo assolutamente rivederlo! peccato averlo perso all’Amidei..

  2. Marco Ics says:

    Un film di cui avevo totalmente perso la memoria… i Coen ne fanno talmente tanti di film di qualità!

  3. The Duke says:

    Forse IL capolavoro dei Coen.

  4. CarlottaG says:

    Il capolavoro no, quello è Blood simple 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly