adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Family Album (1986)

sabato 11 Luglio, 2015 | di Leonardo Cabrini
The Family Album (1986)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE 34° PREMIO SERGIO AMIDEI
Il fuoricampo della memoria
Ragionando sulle modalità operative di Alan Berliner, si può ben comprendere il sostrato teorico che sta alla base di The Family Album. Il principio di fondo risiede nella volontà di assemblare materiale eterogeneo, proveniente dagli archivi di svariati cineamatori, e di tesserlo recuperandone un intreccio.

Nel suo mediometraggio d’esordio il cineasta opta per la reviviscenza di filmati legati alla memoria individuale e di allargarne la consistenza redigendo un saggio audiovisivo sulla memoria collettiva dell’America che fu. La struttura narrativa è qui determinata da una consequenzialità cronologica che agisce ad imitazione della vita stessa. Pertanto, i primi minuti del film coincidono con riprese di idilli familiari legati alle performance dei bambini nei loro primi annimediacritica_the_family_album_290 di età. A seguire il centro delle inquadrature si allarga, e coinvolge situazioni più complesse che riguardano l’inserimento in società. Ma c’è una ragione in tutto ciò: la tendenza di archiviare i rulli relativi ai primi anni di età dei figli, e di monitorarne i progressi. In seguito, i protagonisti crescono e acquisiscono maggiore indipendenza; i progressi divengono meno interessanti e meno individuabili e l’oggetto delle riprese più fumoso. Da ciò emerge un punto fondamentale: lo spettatore non riconosce precisi attori, e la storia non si concentra su un preciso nucleo famigliare. Al contrario la dimensione corale affiora nell’evidenziazione della moltitudine di protagonisti che agiscono come personaggio collettivo. Correlata al visivo, la dimensione sonora risulta in The Family Album di capitale importanza. A descrivere le immagini, e a raccontarne ciò che vi sta “dietro”, sono le registrazioni audio delle memorie di altri protagonisti. Come le riprese, anche le registrazioni hanno subito un processo di recupero e assemblamento alla maniera del collage. Tra racconti, pianti, canti, semplici gorgoglii onomatopeici, il suono acusmatico ha una doppia valenza descrittiva e narrativa. Talvolta si limita a narrare quanto lo schermo riporta, talaltra finge di “dialogare” con le immagini, imitando una correlazione diretta tra quanto viene detto e quanto viene mostrato. Altre volte ancora, le voci narranti raccontano quello che le immagini non possono dire. È in quest’ultimo frangente che emerge lo snodo di senso che rende The Family Album un prodotto estremamente importante. È difatti la dimensione sonora a fungere da elemento rivelatore e a determinare la pregnanza del fuori-campo nella dimensione memoriale degli home movies. L’album di famiglia è qui visto come un assemblamento di ricordi felici, che decidono di censurare quanto di triste vi sia dietro le immagini mostrate. Dietro la maschera di feste, risate, e scherzi esibiti con tanta euforia vi è un controcanto di storie di alcolismo, di matrimoni di facciata e, soprattutto, di perdite.

The Family Album [id., USA 1986] REGIA Alan Berliner.
SOGGETTO Alan Berliner.
Documentario, durata 60 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly