adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Ladri di biciclette (1948)

sabato 25 Luglio, 2015 | di Giulia Zen
Ladri di biciclette (1948)
Film History
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CINEMA NEOREALISTA
Sulla vita post-neorealista
“È uno dei primi esempi di cinema puro. Niente più attori, niente più storia, niente più messa in scena, cioè finalmente nell’illusione estetica perfetta della realtà: niente più cinema”.

Riassaporando le celebri parole del critico francese André Bazin, realizziamo quanto sia superficiale spendere quasi settant’anni dopo dalla sua uscita qualsiasi asserzione ragionata su Ladri di biciclette. Quando si affronta la storia del neorealismo italiano, il mondo accademico si spacca in due: da un lato vi è questa forte nostalgia tipicamente italiana verso ciò che fu, verso quel perenne sentimento del “si stava meglio quando si stava peggio”.mediacritica_ladri_di_biciclette_290 Dall’altro, contemporaneamente, c’è una sorta di insufficienza verso la reiterazione nauseabonda del passato, con una propensione alla ricerca del nuovo e del diverso che così tanto ci ossessiona in tutti gli aspetti della vita postmoderna. Se osserviamo l’infelice storia di Antonio Ricci, protagonista del pluripremiato capolavoro di Vittorio De Sica, capiamo quanto lontano – non solo temporalmente – ne siamo collocati. Lamberto Maggiorani interpreta a dir poco magistralmente un povero attacchino comunale, il cui unico bene di proprietà è una sudata bicicletta che gli permette di lavorare e quindi di mantenere moglie e due figli. Quando il mezzo di trasporto gli viene stupidamente sottratto sotto il naso, il mondo gli crolla addosso. Una location, quella del dopoguerra romano, tutta da ricostruire. Una situazione sociale che è, a discapito del gran vociare di questi anni di crisi, distante anni luce dal nostro attuale concetto di povertà. Unico ed estremamente interessante fil rouge con alcune cinematografie contemporanee lo ritroviamo nella tipologia di linguaggio che, dopo gli innovativi esperimenti neorealisti, si è reso spesso omaggio ai grandi nomi che ne hanno preso parte. Una sempre più sovente ricerca di un close up ossessivamente ancorato alla realtà, una voglia di spontanea espressione e d’immediata ricezione. Concentrandoci sul filone multimediale dell’ultimo decennio, molte sono le più disparate tracce percepibili su questa scia. Dal primo orrorifico Rec improntato allo stile del mockumentary, al drammatico Amour che affronta in maniera struggente anche le più piccole tensioni quotidiane, passando per la commedia televisiva improntata al reality di Modern Family, arrivando perfino alla saga fantasy di Hunger Games, che altro non è che un’allucinata manovra interpretatoriale del mondo attuale. È in questi termini che, a parere di chi scrive, dovrebbero essere riapprocciate le grandi opere neorealiste: non tramite, come direbbe l’Alvy Singer di Woody Allen, morbose e retoriche “masturbazioni intellettuali”, ma con arguti e freschi tentativi di capire come quella “bicicletta” sia rintracciabile nelle più variegate e affascinanti espressioni dei nuovi media.

Ladri di biciclette [Italia 1948] REGIA Vittorio De Sica.
CAST Lamberto Maggiorani, Lianella Carell, Elena Altieri, Enzo Staiola, Vittorio Antonucci.
SCENEGGIATURA Oreste Biancoli, Cesare Zavattini, Suso Cecchi d’Amico, Adolfo Franci, Gherardo Gherardi, Vittorio De Sica, Gerardo Guerrieri. FOTOGRAFIA Carlo Montuori. MUSICA Alessandro Cicognini.
Drammatico, durata 92 minuti.

4 Comments

  1. Gianduia says:

    Gran bella recensione!

  2. Wilder 87 says:

    Molto interessante!

  3. Strain says:

    Che capolavoro!

  4. Giulia says:

    Grazie!
    Assolutamente, opera indimenticabile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly