adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Miracolo a Milano (1951)

sabato 25 luglio, 2015 | di Francesco Grieco
Miracolo a Milano (1951)
Film History
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE CINEMA NEOREALISTA
Volare oh oh
Miracolo a Milano è tanto un film di De Sica quanto un’opera zavattiniana. Tratto dal romanzo Totò il buono di Zavattini (Totò è il nome dell’ineffabile orfano protagonista della vicenda, una sorta di santo privo di ogni umana cattiveria che, nella seconda parte, inizia persino a fare miracoli e nella sua bontà fanatica non è secondo all’Irene di Europa ‘51), di Zavattini ha l’ironia e la poesia del quotidiano, ma anche la visione del mondo, che coincide perfettamente con le idee di Zavattini sulla società dell’epoca, per quanto la miseria dei senzatetto e le disuguaglianze sociali siano un problema sentito e narrativizzato ad ogni latitudine.

Pure oltreoceano: si pensi all’ancora più riuscito I dimenticati di Preston Sturges, di dieci anni precedente, che con il film di De Sica ha in comune un certo ottimismo di fondo, la chiara volontà di regalare una speranza agli umili e di mostrarne le capacità di resilienza. Apprezzabile la scelta di De Sica e Zavattini di tentare una nuova strada e sviluppare gli elementi di surrealità che convergono verso il celebre e immaginifico finale del volo sulle scope, nei cieli di Milano,mediacritica_miracolo_a_milano_290 a cui si è ispirato Spielberg per una famosa scena di E.T. l’extra-terrestre. L’atmosfera allegorica da parabola morale ha attirato su Miracolo a Milano, tra i pochi esempi italiani di cinema favolistico – un genere molto difficile, che, nel Paese di Collodi, non ha mai regalato buoni frutti in quantità, si ricordi la presunzione dei mediocri tentativi di Benigni, il poco riuscito L’intrepido di Gianni Amelio e l’altrettanto deludente La buca di Ciprì – gli attacchi della destra e della sinistra, impegnate la prima a difendere l’immagine della nazione (coerentemente con il motto andreottiano “i panni sporchi si lavano in casa”) e la seconda a rivendicare una rivoluzionaria combattività “di classe” che i sottoproletari del film non dimostrano di possedere. In effetti è difficile da accettare ideologicamente per lo spettatore ateo il finale del film, in cui tutto si risolve con l’ascesa al cielo dei poveracci “verso un regno dove buongiorno vuol dire veramente buongiorno”. E se invece questo regno alludesse all’URSS, si farebbe davvero fatica a collocarlo tra le nuvole. A conferma dell’opinione baziniana per cui nei film neorealisti spesso sono le scene “minori”, di raccordo, quelle più interessanti, va segnalata almeno la raffinatezza con cui la sceneggiatura si salva in corner da eventuali accuse di razzismo, attribuendo con tutta probabilità all’amore per una bianca il desiderio dell’unico nero nel campo di cambiare il colore della propria pelle. Ma soprattutto non viene nascosta l’avidità (e quindi l’imperfetta umanità) dei barboni, nella gara a chi chiede più soldi alla colomba magica che esaudisce i desideri, fatta recapitare a Totò dal cielo dalla defunta madre adottiva. Un film di una certa complessità, quindi.

Miracolo a Milano [Italia 1951] REGIA Vittorio De Sica.
CAST Francesco Golisano, Emma Gramatica, Paolo Stoppa, Guglielmo Barnabò.
SCENEGGIATURA Cesare Zavattini, Vittorio De Sica, Suso Cecchi D’Amico, Mario Chiari, Adolfo Franci (tratta dal romanzo Totò il buono di Cesare Zavattini). FOTOGRAFIA G.R. Aldo. MUSICHE Alessandro Cicognini.
Commedia/Fantastico, durata 100 minuti.

Miracolo a Milano (1951)
3.8 6 76.67%

One Comment

  1. Alfalfa says:

    Capolavoro!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly