adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La bella gente

sabato 29 Agosto, 2015 | di Erasmo De Meo
La bella gente
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

La bella gente che siamo
Che all’estero siano più attenti e obbiettivi sul nostro cinema non è una novità. Sei anni ci son voluti per portare nelle sale italiane il film di De Matteo, apprezzatissimo al Festival di Annecy ed in Francia dove venne distribuito un anno dopo.

Finalmente è sotto gli occhi del suo più naturale destinatario, il cittadino italiano, cui le critiche, così sottili e aspre, sono rivolte. La bella gente siamo noi che ci liberiamo da sensi di colpa e pesi sulla coscienza attraverso post e commenti urlati a tutti e nessuno, noi che se i media non ne parlano non sappiamo nulla di nulla,mediacritica_la_bella_gente_1 noi che quando vedi due uomini che parlano seriamente tra loro stanno ovviamente parlando di calcio, noi che critichiamo chi fa qualcosa ma mai e poi mai ci prenderemmo la responsabilità di farla noi. La bella gente è un film importante di cui domani spero parleremo come oggi parliamo di Una vita difficile (1961) o di C’eravamo tanto amati (1974), film che ci guardano e riguardano, film-documento. Susanna è una delle molte donne che si vedono fuori le vetrine, nel locale raffinato o alle serate letterarie, pronte ad annuire ad ogni affermazione ugualitaria, giustizialista, rivendicativa del giusto ruolo della cultura e dell’essere umano. Alfredo lo si può incontrare nei bar, in spiaggia, è colui che prende la parola sui treni, nelle pause caffè, ma mai per affermarsi o criticare qualcosa o qualcuno, no, al contrario: è bravissimo a mettere d’accordo, a risultar simpatico, ad accondiscendere. Nel film accetta l’idea velleitaria della moglie di accogliere una prostituta in casa e ridarle un ruolo sociale, ma non da subito, al ritorno dalle vacanze, dal soggiorno isolato nella villa “dove non può venire nessuno”. È in quest’oasi di protezione e sicurezza che Nadja, ucraina tolta alla strada, evolve, da fragile vibrante foglia pronta a spezzarsi o a prender fuoco, a tronco elegante e luminoso, innestato in un terreno più accogliente, nutriente, per nulla opprimente, in cui vorrebbe mettere dimora e poter finalmente fiorire dopo una vita di stenti. Ma c’è Giulio, il figlio della coppia, cui si addice il ruolo del giardiniere incostante, ama Nadja, la fa sentire amata, le promette viaggi insieme, progetti, ma al primo cambio di vento, scappa via senza neanche salutarla. Quando Nadja passa da essere soggetto puramente ricettivo, che solamente sa ringraziare, a soggetto che chiede, che vuole conquistare, ottenere, farsi spazio, gli equilibri crollano, Nadja non è più “la prostituta”, ma “una donna”. Alfredo e Susanna non ci stanno, sanno dare ed essere “buoni” solamente finché persistono delle gerarchie, delle distanze eticamente incolmabili. Categorie, muri, che applichiamo anche noi, tutti i giorni, credendoci brava gente.

La bella gente [Italia 2009] REGIA Ivano De Matteo.
CAST Victoria Larchenko, Antonio Catania, Monica Guerritore, Elio Germano.
SCENEGGIATURA Valentina Ferlan. FOTOGRAFIA Duccio Cimatti. MUSICHE Francesco Cerasi.
Drammatico, durata 98 minuti.

One Comment

  1. Frances says:

    Distribuzione tardiva, ma almeno l’abbiamo visto. Sarebbe un film da proiettare ovunque, dai licei ai centri di assistenza e associazioni di volontariato, con dibattito (una volta tanto obbligatorio) a seguire. Ci mette di fronte a uno specchio e il ritratto non è confortante. De Matteo è bravo, come già ha dimostrato con “Gli equilibristi”, rimane per me un mistero su come abbia fatto a girare un film pessimo come “I nostri figli”, con uno dei finali più volgari (in senso etimologico, rozzo e privo di gusto) che abbia visto al cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly