adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Le colline hanno gli occhi (1977)

sabato 5 Settembre, 2015 | di Eleonora Degrassi
Le colline hanno gli occhi (1977)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE WES CRAVEN
Il racconto della paura
Il gorgo della paura. La bocca deformata in una smorfia di spavento. L’urlo di Craven. Quando hai un attacco di panico, molti ti dicono che devi lasciarti travolgere dal mostro per poterlo conoscere e governare; solo quando la marea ti sommergerà totalmente riuscirai veramente a respirare di nuovo.

Così Craven si è immerso nelle nostre paure, quelle più intime, esprimendo gli incubi più reconditi di una nazione, spiegandone anche le ragioni politiche. Il maestro del cinema horror ha creato alcune delle maschere più note e incisive del genere, quella di Scream, quella di Freddy Krueger di Nightmare. Nel 1977 realizza Le colline hanno gli occhi. Lo splatter,mediacritica_le_colline_hanno_gli_occhi_1 il racconto “fuori dalla norma”, della debolezza del corpo umano squartato e sventrato sono al centro e il sangue presente vuole smuovere le coscienze degli americani, per troppi anni rinchiusi in una rassicurante “negazione” della visione. L’orrore si infila dappertutto, ha radici profonde e Craven le racconta perfettamente: poco importa dove siamo, chi siamo, il cineasta conosce i codici del genere e li sa usare. Il deserto del Nevada – dove l’esercito degli Stati Uniti aveva sperimentato ogni tipo di radiazione –, due famiglie (una civilizzata, l’altra “cannibalica”) a confronto; la prima viene attaccata brutalmente dalla seconda, deforme, che vive tra le montagne, cibandosi di viaggiatori ignari. Il nulla a spaventare lo spettatore; Craven costruisce un horror figlio del suo tempo, che ha qualcosa del western, una sorta di “attacco alla diligenza” da parte dei “cattivi” – indiani post-moderni –, figli delle radiazioni degli anni ’50, sviscerando i corpi degli uomini e delle donne, mostrando sangue e budella. Un massacro incomprensibile, per ogni morto vengono meno le regole sociali e il cinema diventa analisi anche politica. I buoni e i cattivi sono mera etichetta, l’ordine pubblico si capovolge: chi è attaccato attacca e chi ha ucciso viene ucciso, chi era vittima diventa carnefice e quello che una volta era un uomo, ora vorace, è vile essere inerme. La brutalità dei gesti diventa danza macabra che monta di minuto in minuto e il regista pedina i seviziatori, come segue le vittime, siano le donne che vengono lasciate sole dal capofamiglia, sia il padre che fugge alla ricerca di un riparo. Le colline hanno gli occhi ha un inizio molto efficace che mostra la quiete prima della fatale tempesta, il quotidiano prima del “sovrumano”, l’umano prima del bestiale, Craven porta il suo pubblico nel turbine della paura e della violenza più irrazionale e agghiacciante. Il nemico è fuori da noi, Craven lo scova e lo mostra in tutta la sua indecenza. E noi non possiamo far altro che sentire già la mancanza del maestro dell’horror.

Le colline hanno gli occhi [The Hills Have Eyes, USA 1977] REGIA Wes Craven.
CAST Susan Lanier, Robert Houston, Martin Speer, Russ Grieve, Virgini Vincent.
SCENEGGIATURA Wes Craven. FOTOGRAFIA Eric Saarinen. MUSICHE Don Peake.
Horror, durata 89 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly