adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Sangue del mio sangue

sabato 12 Settembre, 2015 | di Francesco Grieco
Sangue del mio sangue
In sala
7
Facebooktwittermail
Voto autore:

Gira, il mondo gira
Marco Bellocchio torna ancora una volta nella sua amata-odiata Bobbio, con un film che è insieme riunione di famiglia e bilancio/memoria senile, apparentemente davvero sconcertante, per la sua inclassificabilità (è insieme fiaba, horror gotico, dramma storico in costume, e purtroppo anche debole commedia grottesca e farsesca dai dialoghi inverosimili), e che ha nel doppio la sua figura ricorrente, a partire dalla suddivisione in due parti speculari, la Bobbio cattolica del Seicento e quella omologata e superficiale dei giorni nostri.

In Sangue del mio sangue ritornano gli stessi volti, come quello di Herlitzka, in ruoli diversi (si intravede appena nella prima parte, a dire il vero). mediacritica_sangue_del_mio_sangue_290C’è un Federico Mai (cognome locale e vana negazione del tempo), irascibile guerriero di vampiresca e vorace sessualità, nella prima parte, e c’è un suo omonimo nella seconda parte, ispettore della Regione con il macchinone, entrambi interpretati da Piergiorgio Bellocchio. Il Federico Mai seicentesco, ospite e amante di due sorelle rossocrinite dalla simile pettinatura (ancora il doppio), ha perso il fratello Fabrizio, ovviamente gemello, sacerdote che si è suicidato – la stessa morte del vero gemello di Marco Bellocchio –, dopo essere stato sedotto da una donna, Benedetta. In una delle scene migliori del film – esempio di quella visionarietà tutta psicologica che è tra le doti migliori del Bellocchio regista – Federico vede, sulla riva opposta del fiume Trebbia, il fantasma del fratello e piange di dolore. In sottofondo, la cover di Nothing Else Matters dei Metallica eseguita, in una versione che può richiamare un coro religioso di voci bianche, dagli Scala & Kolacny Brothers, che cantano anche la Self-fulfilling Prophecy ascoltabile nell’altra scena importante di abissamento nel fiume verdazzurro fotografato da Ciprì. In questo film di volti e di sguardi impotenti, di identità in sospensione e corpi a metà (come il personaggio di Timi, né pazzo né invalido, per lo Stato), scorrono anche tante lacrime, nei numerosi e insistiti primi piani che talvolta impediscono allo sguardo dello spettatore di spaziare. I campi lunghi latitano nella prima parte del film, la mdp sta sempre addosso agli attori, manca il respiro. La metà del film ambientata nell’epoca contemporanea, invece, fa un uso migliore e più eterogeneo dello spazio, ma la claustrofobia che provoca il film rimane costante. Forse perché è una storia di vampiri, reclusi per scelta e col mal di denti (l’anziano notabile del paese, “laudator temporis acti”, non-morto democristiano, spaesato, esterrefatto Nosferatu interpretato da un efficace Herlitzka) e di donne murate vive, ma infine miracolosamente libere, proprio come il Moro di Buongiorno, notte, nella vittoria finale della bellezza sul vecchio potere. Nella nuvola di polvere a tutto schermo, il cardinale – si chiama Federico anche lui – cade a terra stecchito, proprio come il vampiro voyeur all’inseguimento di Elena. Vince la carne che (ri)sorge, Eros prevale su Thanatos. Il mondo non è più piccolissimo, si offre allo sguardo giovane dei puri e continua a girare.

Sangue del mio sangue [Italia 2015] REGIA Marco Bellocchio.
CAST Piergiorgio Bellocchio, Roberto Herlitzka, Alba Rohrwacher, Filippo Timi.
SCENEGGIATURA Marco Bellocchio. FOTOGRAFIA Daniele Ciprì. MUSICHE Carlo Crivelli.
Drammatico, durata 106 minuti.

7 Comments

  1. Marco Longo says:

    Bravo Francesco, ottimo pezzo. E’ un film destinato a crescere, su cui bisognerà ragionare ancora. Per me il più bello visto a Venezia quest’anno.

  2. Moros says:

    Io invece l’ho trovato molto debole, pretenzioso e privo di autenticità. Straordinario dal punto di vista visivo e ben fatto nella prima parte, ma quando vira sui toni “horror-politik” manca di sostanza e si muta in cabaret surreale spiccio. Peccato.

  3. Maurizio says:

    Si chiama Bellocchio, deve piacere a tutti i costi, nonostante sia un film davvero debole…

  4. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2015 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly