adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

L’attesa

sabato 19 settembre, 2015 | di Juri Saitta
L’attesa
In sala
12
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

L’estetica che imprigiona
Per Piero Messina la resa dell’immagine e lo studio dell’inquadratura hanno nel cinema un’importanza fondamentale. Un concetto che il regista ha già dichiarato e che caratterizza fortemente il suo primo lungometraggio: L’attesa, presentato in concorso alla 72a Mostra del Cinema di Venezia. L’opera è, infatti, visivamente curata in ogni minimo dettaglio, in quello che è un elemento di per sé pregevole, ma che in questo caso si trasforma, paradossalmente, in un limite.

Qui la protagonista è Anna, una donna in lutto per la recente scomparsa del figlio Giuseppe. Quando la fidanzata di quest’ultimo, Jeanne, decide di recarsi nella loro tenuta in Sicilia ignara dell’accaduto, Anna non ha il coraggio di svelarle la verità. L’opera proseguirà raccontando il rapporto particolare e pieno di sfumature psicologiche che s’instaura tra le due protagoniste: mediacritica_attesa_290entrambe “usano” l’altra per colmare un vuoto (di un lutto o di un’attesa) e per scoprire qualcosa in più su Giuseppe e su se stesse. Questo in quanto l’una è lo specchio dell’altra, ma anche perché sono entrambe il riflesso (sanguigno o generazionale) del ragazzo defunto. Ed è appunto per tali motivi che non possono mai essere completamente sincere né mentirsi spudoratamente: sono amiche, rivali, ma in qualche modo anche madre e figlia. È anche attraverso tale snodo narrativo, decisamente il più interessante del copione, che l’autore riesce ad affrontare le problematiche centrali dell’opera, quali il dolore e la difficoltà di accettare una perdita. Un punto narrativo interessante che si sviluppa con una certa incisività e per poco tempo solo nella seconda parte del film che, infatti, all’inizio fa fatica a decollare, soprattutto a causa di una cura formale a tratti eccessiva e fine a se stessa. Evidentemente, Messina intende coniugare la massima ricerca estetica alla massima profondità tematica, purtroppo senza riuscirci. Ciò perché vi sono diversi momenti in cui tutto sembra essere sacrificato al puro estetismo: le inquadrature particolari e le riprese studiate nei minimi dettagli hanno spesso la massima priorità rispetto al racconto e alla descrizione delle protagoniste. Il risultato è talvolta efficace sotto il profilo strettamente visivo, ma molte immagini (per esempio quelle dell’aeroporto) sono poco motivate ai fini della narrazione e del significato. Ed è anche per questo che la cura estetica non rafforza il film, ma lo rallenta, lo indebolisce e lo soffoca, soprattutto nei suoi aspetti più postivi. Ciò, unito a un finale didascalico e non necessario, rende L’attesa un film complessivamente poco riuscito, imprigionato da un formalismo quasi mai controllato. E per un’opera dalle buone potenzialità è un vero peccato.

L’attesa [Id., Italia/Francia 2015] REGIA Piero Messina.
CAST Juliette Binoche, Lou de Laâge, Giorgio Colangeli, Domenico Diele.
SCENEGGIATURA Giacomo Bendotti, Ilaria Macchia, Andrea Paolo Massara, Piero Messina. FOTOGRAFIA Francesco Di Giacomo. MUSICHE Alma Napolitano, Marco Mangari Piero Messina.
Drammatico, durata 100 minuti.

L’attesa
3.85 33 76.97%

12 Comments

  1. Alessia says:

    Un film bellissimo ed emozionante

  2. Annalisa says:

    fischi ingenerosi a Venezia. Ok, può non piacere, ma fischiarlo addirittura. Per me resta emozionante e bello

  3. Pietro says:

    Ai festival le reazioni sono spesso eccessive, sia quando sono negative che quando sono positive. Secondo me il film di Messina non vale né grandi fischi né lunghi applausi.

  4. Frances says:

    Non concordo con la recensione. Mi è sembrato un film molto interessante, con i suoi difetti, vero, ma penso si debba tener conto che si tratta di un regista esordiente. A volte lo stile è un po’ troppo ridondante, come notavi tu, e la messa in quadro, per quanto perfetta, rimane fine a se stessa. Ma finalemnte un regista italiano giovane che non ha paura di esordire con un film dallo stile molto personale e che cerca, attraverso la composizione dell’inquadratura, di raccontare i suoi personaggi mettendo in secondo piano le parole (non ha bisogno di voci fuori campo alla Sorrentino per spiegare quello che accade in scena). L’abbraccio finale senza parole tra le due protagoniste non l’ho trovato didascalico, c’è tutta la storia condensata. Di Piero Messina ne sentiremo parlare ancora.

    • Juri S. says:

      Sicuramente Messina ha del potenziale, ma a mio parere deve ancora saperlo indirizzare, controllando di più il suo estetismo. Secondo me, in “L’attesa” non è riuscito a farlo, vedremo nei film successivi.
      Quando ho parlato di finale didascalico non intendevo tanto e solo l’ultima scena, ma anche e soprattutto la sequenza del bagno e quella della fiaccolata. In effetti, è una cosa che avrei dovuto precisare, anche se le due sequenze si svolgono nell’ultima parte del film.

    • Vins says:

      D’accordo con te Frances, un notevole esordio.

    • Vins says:

      Credo sia una coraggiosa manifestazione della propria identità registica. Merita più di un incoraggiamento secondo me

  5. Gianduia says:

    Sono del tutto d’accordo con la recensione: è vero che Messina dimostra di avere i numeri per poter diventare un buon/ottimo regista, ma è ancor più vero che questo film è vuoto ed esteticamente fine a se stesso.

  6. Frances says:

    Mah definirlo film vuoto mi sembra veramente fuori luogo. Non è un film per tutti (i gusti) questo sì, per fortuna.

    • Gianduia says:

      “Vuoto” effettivamente è eccessivo, chiedo scusa. Intendevo dire che dietro l’estetica e l’eleganza riesce a trasmettere ben poco; già il fatto che non riesca a trasmettere il “dolore” mi sembra una pecca abbastanza importante. Poi, è vero che non essere un film per tutti spesso è stato un pregio, ma non è una regola matematica che sia sempre così.

      • Frances says:

        Non è un film plateale, non cerca la commozione a tutti i costi, evita scene madri e qualunque tipo di retorica nel raccontare una tragedia come la perdita di un figlio, un argomento arduo da affrontare con il tono giusto (ammesso che esista). Il dolore è un dolore trattenuto che riesce invece a trasmettere benissimo a mio parere proprio perchè la sofferenza viene condensata in un abbraccio, in uno sguardo, in una stanza vuota, in una madre che è incapace di affrontare questo dolore e infatti lo nega, fingendo che il figlio tornerà. L’attesa è anche quella, non metaforica, della consapevolezza del lutto, presente ma in un certo senso rimosso. Per me il film racconta di un dolore presente e tangibile in ogni scena, ma che la protagonista fa di tutto per nascondere e respingere. Quindi appare nei dettagli, nell’atmosfera, ed è proprio per questo che è un film interessante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly